Economia 1 Giugno Giu 2015 1641 01 giugno 2015

Corea Sud e Cina, firmato accordo libero scambio

  • ...

Intesa sui dazi tra Cina e Corea del Sud Corea del Sud e Cina sono più vicine con l'accordo di libero scambio (Fta) firmato il 1 giugno che rimuove i dazi su oltre il 90% delle merci per più di due decenni includendo, per la prima volta, anche il settore finanziario. I ministri del commercio dei due Paesi, Yoon Sang-jick e Gao Hucheng, si sono incontrati a Seul per la sigla del patto che avvicina ulteriormente la quarta e la prima economia asiatica. OBIETTIVO 50 MILA POSTI DI LAVORO. L'intesa riguarda 22 aree tra cui finanza e commercio online, ma esclude il riso e le automobili, è in grado, secondo Yoon, di aumentare il Pil sudcoreano di quasi l'1% creando più di 50.000 posti di lavoro nel decennio successivo all'attuazione. Le Pmi di Seul avranno accesso ampio al mercato cinese in uno scenario che vedrà migliorare gli investimenti cinesi in Corea del Sud. Per la prima volta, è compreso il settore finanziario, oltre a tlc ed e-commerce. Tranne il riso, a causs delle resistenze a Seul, il patto liberalizza il 70% dei prodotti agricoli. La firma è maturata cinque mesi dopo l'annuncio di Pechino dello scorso febbraio sulla chiusura dei negoziati: i rispettivi parlamenti dovranno ora dare il via libera all'accordo che dispiegherà i suoi effetti entro fine anno. Una "pietra miliare storica", l'ha definito la presidente sudcoreana Park Geun-hye, mentre il presidente Xi Jinping, in una lettera, ha rilevato che è una mossa che "porterà una vasta gamma di opportunità e benefici bilaterali a persone e imprese di entrambi". Il libero scambio consentirà di migliorare ulteriormente i rapporti economici tra Corea del Sud e Cina "creando un mercato da 12.000 miliardi di dollari", ha detto Yoon. Per la parte cinese, ha assicuato Gao, "è il più grande accordo di libero scambio finora firmato da Pechino". Pechino ha assorbito nel 2104 più di un quarto dell'export di Seul diventando di gran lunga il primo partner commerciale. La Corea del Sud, con questo nuovo passo, avrà una gamma di intese commerciali con Paesi che a livello globale rappresentano il 73% del Pil mondiale, un record. Su base bilaterale, tra Seul e Pechino, l'auspicio è di stimolare interscambio annuale a più di 300 miliardi di dollari, con un progresso del 39,5% rispetto ai livelli del 2012.

Correlati

Potresti esserti perso