Economia 9 Giugno Giu 2015 1857 09 giugno 2015

Corsera, 67 sono di troppo

  • ...
La sede del Corriere della Sera in via Solferino 28 a Milano

Cura dimagrante prima dell'estate per Rcs. La strategia dell'amministratore delegato di Rcs Pietro Scott Jovane punta su due leve: ci sono 470 esuberi nell'azienda di cui 67 riguardano il solo Corriere della Sera, il piano infatti prevede che dai 327 redattori attuali si passi a 260. L'intervento proposto dal manager sul quotidiano di via Solferino porterà a un risparmio di 15 milioni di euro di cui 12 milioni frutto dei tagli al personale. Ma il sindacato è pronto ad alzare le barricate perché in passato era stato proprio il manager a iscrivere nel piano industriale un ebitda pari a 120 milioni di euro per l'anno in corso. Il cdr del Corriere inoltre ha evidenziato che il giornale è largamente in utile e quindi prima di toccare i salari dei lavoratori si deve intervenire su altri asset non strategici per l'azienda.
IL PIANO ESUBERI IN DETTAGLIO. Nel nuovo piano industriale presentato ai rappresentanti dei Cdr e delle Rsu i contratti di solidarietà sarebbero applicato solo ai dipendenti in Italia pari a circa 2.350 su circa 4mila totali assunti dal gruppo. La cifra è emersa negli incontri tra l'azienda e i rappresentati sindacali delle varie categorie di lavoratori. Si tratta di un intervento importante sulla forza lavoro che però riguarderà tutte le aree d'attività e tutte le divisioni a partire dalle funzioni Corporate dove oggi sono occupate 564 persone, il 14% del totale. Chi rischia di più in questo piano sono i prodotti editoriali: nel mirino della forbice dorsi locali del Corriere della Sera come Brescia e Bergamo, mentre per il momento sembrano salvi Bologna e Firenze, Trentino e il Corriere del Mezzogiorno.

Correlati

Potresti esserti perso