Morando 140729133952
ECONOMIA 18 Giugno Giu 2015 1411 18 giugno 2015

Morando: ridurremo la deducibilità delle perdite delle banche a 1 anno

Il viceministro: la misura non è in contrasto con le direttive dell'Europa.

  • ...

Enrico Morando, viceministro dell'Economia.

Il governo si appresta a varare un provvedimento che abbatta da 5 a 1 anno i tempi della deducibilità fiscale delle perdite sui crediti delle banche. A rivelare le intenzioni di palazzo Chigi è stato il 18 giugno il vice ministro dell'economia, Enrico Morando,durante il congresso Acri. La misura, ha spiegato il viceministro, avrà «un impatto sui conti pubblici, cerchiamo di ridurre i 5 anni, c'è un problema di bilancio, vogliamo uniformarci all'Europa in tempi accettabili». Ma, ha proseguito, ci aspettiamo i «soliti demagoghi e populisti» che «ci accuseranno nei talk show di aver fatto un regalo alle banche». L'esecutivo ha pronto anche un provvedimento sul taglio dei tempi della giustizia di recupero dei crediti. Il provvedimento sulla deducibilità delle perdite dei crediti delle banche, ha poi precisato Morando, «non sarà all'ordine del giorno» del prossimo consiglio dei ministri.
MORANDO: LA PROPOSTA NON VIOLA LE REGOLE UE. «Stiamo insistendo con gli uffici della Commissione Ue» che vigilano sugli aiuti di Stato, «malgrado due mesi di discussioni infruttuose» per una soluzione sul problema delle sofferenze che crei un mercato. Senza una sua soluzione anche i due interventi che il governo si appresta a varare «pur efficaci non risolveranno il problema del contingentamento del credito in Italia».
Secondo Morando la soluzione che il governo italiano sta portando avanti all'Ue non viola il regime degli aiuti di Stato e non ricalca quelli effettuati in altri paesi all'inizio della crisi. La garanzia apposta dallo Stato al veicolo che dovrebbe rilevare le sofferenze è a condizioni di mercato. Se le cose vanno male, ragiona il viceministro, i contribuenti partecipano alle perdite ma se le cose vanno bene lo Stato è remunerato a prezzi di mercato.

Correlati

Potresti esserti perso