Bbccentrotelevisivo 150702153803
MEDIA 2 Luglio Lug 2015 1532 02 luglio 2015

Bbc, tagli al personale: via mille dipendenti

Il servizio pubblico britannico in deficit per 150 milioni di sterline nel 2016-2017. L'audience si sposta online: diminuiscono i ricavi pubblicitari e le entrate da canone.

  • ...

È stata la stessa Bbc, giovedì 2 luglio, a twittare la ferale notizia. Il celebre network pubblico britannico, sinonimo d'informazione di qualità, si prepara ad affrontare una cura dimagrante particolarmente affilata. Circa mille posti di lavoro saranno tagliati, per far fronte a un 'improvviso' deficit di bilancio di 150 milioni di sterline (211 milioni di euro) che si profila nel prossimo biennio.

LA MAIL DEL DIRETTORE. Il direttore generale della Bbc, Tony Hall, ha scritto una mail a tutti i dipendenti, spiegando i motivi di una scelta così radicale. «Dear all, I care deeply about this organisation – and the people in it. That’s why I wanted to share with you, openly and honestly, some big changes we’re making to make the BBC simpler and leaner», questo l'incipit della sua comunicazione. Il mezzo, mai come in questo caso, è anche il messaggio: i tagli, ha spiegato Hall, si rendono necessari per far fronte al disavanzo previsto nel biennio 2016-17, dovuto in gran parte allo switch dell'audience sulla piattaforma internet. Un fenomeno certamente preso in considerazione dai vertici aziendali, ma che si è verificato con una velocità che, evidentemente, era stata sottovalutata.
PERDITE SUL CANONE E NELLE VENDITE PUBBLICITARIE. Il calo dell'audience televisiva avrebbe a sua volta provocato, secondo Internazionale , perdite rilevanti nelle vendite degli spazi pubblicitari. La spiegazione ufficiale data dalla Bbc è che il deficit sarebbe dovuto a perdite negli introiti derivanti dal canone. Sempre più inglesi affermano di non guardare la televisione in diretta e quindi non sono più disposti a pagare. In ogni caso, la tivù pubblica britannica è dovuta correre ai ripari. Attraverso i tagli al personale, Hall calcola di risparmiare 50 milioni di sterline. Gli interventi principali, secondo quanto annunciato, porteranno a fusioni tra divisioni interne al network e uno snellimento dei livelli di management.

TAGLIATI I MANAGER. A risentirne dovrebbero essere soprattutto i ruoli dirigenziali, sfoltiti su tutta la linea. «Un'organizzazione più semplice inevitabilmente richiederà meno responsabili, soprattutto ai livelli più alti», ha precisato Hall. Anche alcune aree professionali e di supporto, tuttavia, saranno «semplificate e standardizzate». Ciò significa che i tagli colpiranno anche i dipendenti dei settori marketing, comunicazione, finanza, risorse umane, supporto IT e ufficio legale. Mentre i team di esperti in tecnologia delle aree Digital, Engineering e Wolrdwide saranno accorpati.
ALLA BBC LAVORANO 18 MILA PERSONE. Le negoziazioni con il personale prenderanno il via durante l'estate e la maggior parte dei posti di lavoro da tagliare dovrebbe essere effettivamente cancellata all'inizio del 2016. Alla Bbc lavorano attualmente 18 mila dipendenti. Più del 5% della sua forza lavoro complessiva è dunque destinata a lasciare il network.
E IL GOVERNO PENSA AL CANONE GRATIS PER GLI OVER 75. L'azienda lamenta anche la recente revisione del canone, fissato al prezzo di 145,5 sterline (204 euro) e le spese sostenute per la diffusione della banda larga, che hanno comportato un calo della redditività del 26%. Senza contare il fatto che il governo conservatore inglese vorrebbe introdurre il canone gratuito per gli over-75 e la depenalizzazione per il mancato pagamento. Misure che potrebbero costare alla Bbc, secondo i calcoli del The Guardian, fino a 200 milioni di sterline (281 milioni di euro).

Correlati

Potresti esserti perso