Economia 21 Luglio Lug 2015 1226 21 luglio 2015

Lavoro, disoccupazione ingegneri al 4,4%

  • ...

Ingegneri Rialzano la testa gli ingegneri italiani: archiviato il 2013, 'annus horribilis' per la professione, infatti, il tasso di disoccupazione nel 2014 ha ingranato la retromarcia, scendendo dal 6% al 4,4%. E, nel frattempo, la categoria si è sempre più spesso orientata verso la libera attività, passata in un anno "dal 26,6% ad oltre il 28%", una forma di "ammortizzatore" per chi è stato espulso dal lavoro dipendente. Lo si legge nell'ultima analisi sui laureati nel 2014 diffusa dal Centro studi del Consiglio nazionale degli ingegneri (Cni), il cui presidente Luigi Ronsivalle sottolinea come si tratti di "una prima inversione di tendenza che salutiamo con soddisfazione. Tuttavia, colpisce negativamente l'ampliarsi del 'gap' fra il Nord e il Sud del Paese", giacché a "pesare non è soltanto la notevole differenza di occupati, bensì anche il numero sensibilmente minore di persone al lavoro nell'industria" meridionale. Difatti, il dossier mette in luce come "gran parte" della chance d'inserimento nel mercato dei professionisti sia "merito delle regioni centrali, dove si è saliti dal 67,9% del 2013 al 74,9% del 2014", mentre peggiora la situazione nel Mezzogiorno, dove gli occupati si sono ridotti l&rsquoanno passato fino a toccare la percentuale del 61,8%. Infine, altra buona notizia è l'incremento del numero degli ingegneri impiegati nelle industrie della Penisola: circa "191.000 contro i 179.000 del 2013".

Correlati

Potresti esserti perso