Lo studio di Mediobanca sulle banche internazionali.
FINANZA 28 Luglio Lug 2015 1848 28 luglio 2015

Ue, la crisi delle banche ci è costata più del Pil greco

Mediobanca: l'Europa ha pagato 221 mld, 1,2 volte il Prodotto interno lordo di Atene.

  • ...

Settimane a discutere di se e come salvare la Grecia, riunioni fiume, vertici notturni, allarmi, veti e minacce.
Bruxelles ha affrontato la crisi di Atene come fosse stata la peggiore dell'Europa Unita, con un livello di drammatizzazione che non ha riguardato invece un'altra crisi, che pure ha pesato enormemente sui bilanci pubblici degli Stati: quella delle banche.
Dal 2009 al 2014, dice oggi uno studio di R&S Mediobanca, la crisi dei principali istituti di credito internazionali «ha ridotto gli introiti statali da imposte di 87 miliardi di euro in Europa, di 103 mld di dollari negli Usa». E si tratta qui solo dei grandi colossi del credito, perchè il dato non prende in esame per esempio le Landesbank tedesche o le banche minori.

«Considerando le iniezioni di capitale pubblico e le minori imposte, la crisi è costata 221 mld di euro alle casse pubbliche europee (1,2 volte Pil greco) e 143 mld di dollari a quelle Usa», scrivono i ricercatori di piazzetta Cuccia. Nel complesso dunque gli europei hanno pagato la crisi più degli americani.

In altre parole, la perdita per le casse statali causata dalla crisi bancaria supera di 1,2 volte il prodotto interno lordo della Grecia, che è praticamente equivalente al valore 'bruciato' dalle banche europee in tre anni, ovvero 178,5 miliardi di euro, di cui 116,6 miliardi da svalutazioni e 62 miliardi da contenziosi.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso