Economia 3 Agosto Ago 2015 1514 03 agosto 2015

Exor acquista PartnerRe per 6,9 miliardi

  • ...

Exor Dal trasferimento della sede legale di Fca da Torino a Londra, fino alla recente quotazione del 10% della Ferrari alla borsa di Wall Street. La famiglia Agnelli continua a dimostrare come i suoi interessi economici e i progetti di sviluppo siano sempre più rivolti fuori dal confine italiano. L'ultima mossa in linea con questa strategia esterofila è l'operazione PartnerRe. Exor, la holding della famiglia Agnelli, ha raggiunto un accordo per l'acquisto di tutte le azioni di società di riassicurazione americana in circolazione al prezzo di 137,5 dollari per azione in contanti, più un dividendo speciale di 3 dollari per azione, per un controvalore complessivo di 140,5 dollari per azione. Il closing è previsto entro i primi tre mesi del 2016. SALTA L'ACCORDO CON AXIS. L'accordo definitivo fa seguito alla decisione comune di PartnerRe e Axis di risolvere il loro accordo di fusione e cancellare l'assemblea straordinaria degli azionisti PartnerRe programmata per il 7 agosto 2015. In base alle condizioni contrattuali dell'operazione Exor, gli azionisti privilegiati di PartnerRe riceveranno inoltre i miglioramenti annunciati il 20 luglio 2015. L'accordo - informa Exor - prevede un periodo di "go shop", durante il quale il consiglio di amministrazione di PartnerRe avrà il diritto di sollecitare e valutare eventuali offerte concorrenti all'operazione Exor, avviando negoziazioni in merito ad eventuali proposte ricevute prima del 14 settembre 2015, il tutto nell'ambito delle usuali limitazioni.

John Elkann CLOSING ATTESO NEL PRIMO TRIMESTRE 2016. Il perfezionamento dell'operazione è atteso non oltre marzo 2016, subordinatamente all'ottenimento della necessaria approvazione da parte degli azionisti di PartnerRe, all'ottenimento delle autorizzazioni di legge e al verificarsi delle altre consuete condizioni per il closing. Qualora talune autorizzazioni di legge non fossero ottenute entro i 12 mesi successivi alla firma dell'accordo o qualora emergessero impedimenti legali definitivi, irrimediabili e ostativi al perfezionamento dell'operazione, Exor si è impegnata a corrispondere a PartnerRe una somma pari a 225 milioni di dollari a titolo di rimborso parziale della penale di interruzione pagata da PartnerRe a AXIS. IL PRESIDENTE ELKANN: ACCORDO POSITIVO. «L'accordo firmato oggi (3 agosto 2015) è molto positivo per PartnerRe e Exor. Grazie al nostro impegno di azionisti stabili, PartnerRe continuerà a svilupparsi come primaria società di riassicurazione indipendente e globale». ha detto il presidente di Exor, John Elkann, commentando l'accordo per l'acquisizione di PartnerRe. «Exor lavorerà ora con il Consiglio di Amministrazione e il management di PartnerRe al fine di garantire il successo dei prossimi passi- aggiunge il presidente Elkann - vorrei ringraziare i nostri colleghi azionisti per il continuo sostegno che ci hanno dimostrato negli ultimi mesi».

Articoli Correlati

Potresti esserti perso