Economia 8 Settembre Set 2015 0944 08 settembre 2015

Sole 24 Ore, corrono le vendite digitali

  • ...

Roberto Napoletano Testa a testa nell'editoria digitale. Nella classifica della diffusione cartacea e digitale il Corriere della Sera è al primo posto con 377.585 copie totali (-6,2% rispetto luglio 2014), seguito a ruota da Il Sole 24 Ore con 366.405 copie medie (+1,2% rispetto luglio 2014), La Repubblica si piazza terza con 346.181 copie totali (-9,6% rispetto luglio 2014). E' quanto emerge dai dati Ads di luglio 2015 che mettono in evidenza come il quotidiano diretto da Roberto Napoletano, che si conferma al secondo posto per l’undicesimo mese consecutivo, sia l’unico tra i principali quotidiani della classifica Ads a registrare una performance positiva rispetto a luglio 2014, mese che segnava una crescita a doppia cifra su luglio 2013. CORRONO LE DIFFUSIONI DIGITALI: +15,2%. Il dato più significativo è quello relativo alla diffusione totale digitale dove Il Sole 24 Ore continua ad accrescere la distanza rispetto agli altri player di mercato arrivando a quota 215.594 copie digitali e registrando un incremento pari a +15,3% rispetto a luglio 2014, in netta controtendenza rispetto ai principali quotidiani italiani. Abbondantemente distante dal gruppo di Via Monte Rosa si piazzano il Corriere della Sera in discesa a quota 49.694 copie digitali singole (-16%), un po' meglio Repubblica a 53.234 digitali singole  ma sempre in calo rispetto a 12 mesi fa: -11,8%. PRIMATO NELLE COPIE ELETTRONICHE SINGOLE. Sul fronte delle copie digitali singole digitale Il Sole 24 Ore è primo con 67.625 unità (+18,2% rispetto a luglio 2014). Primato che mantiene da sei mesi consecutivi. «Il successo del sistema multimediale del Sole 24 Ore è il risultato del grande lavoro di innovazione di contenuti avviato tre anni fa con la realizzazione di una serie di servizi e prodotti innovativi. Un sistema carta-web di quotidiani in costante aggiornamento che il mercato continua a premiare per la qualità dei suoi contenuti», ha spiegato Roberto Napoletano, direttore editoriale del Gruppo 24 Ore.

Correlati

Potresti esserti perso