Momento Quisivola 150930143803
STRATEGIE 30 Settembre Set 2015 0900 30 settembre 2015

#Quisivola, Fastweb e la nuova frontiera della comunicazione aziendale

Eventi sul territorio. Show interattivi. Installazioni a effetto. Le aziende cambiano strategie di marketing. E puntano sulla flessibilità. Il "caso" Fastweb.

  • ...

#Quisivola è solo l’ultimo in ordine di tempo di una rinnovata strategia aziendale iniziata già nel 2013.

Scendere per strada. Coinvolgere la gente facendola interagire con un brand e, soprattutto, intercettandone passioni e desideri. Benvenuti nella nuova frontiera della comunicazione aziendale, quella che vive di “metafore” e che interagisce con i clienti - e cerca di intercettarne di nuovi - puntando sullo stupore, il divertimento e l’intrattanimento.
INSTALLAZIONI E SHOW NELLE PIAZZE. A volte portando in città eventi che spiegano in modo didascalico novità e offerte, molto più spesso organizzando spettacoli, installazioni o veri e propri show della comunicazione capaci di contestualizzare e rappresentare in chiave dinamica il messaggio che l’azienda vuole trasmettere.
UNA TENDENZA ANCHE IN ITALIA. Una tendenza crescente nelle metropoli del mondo e che anche nelle principali città italiane sta prendendo piede in modo deciso. L’ultimo evento di questo tipo, in ordine di tempo, è quello realizzato da Fastweb assieme a Sky: #Quisivola.

#Quisivola: provare il 'brivido' del volo in pieno centro

Un momento di Quisivola.

Partito il 22 settembre a Milano - prima città in cui Fastweb ha posato la fibra ottica già a partire dal 2000 - #Quisivola è ora pronto a toccare le altre due tappe: a Roma, Galleria Commerciale La Porta di Roma dal 03 al 07 ottobre e poi a Bari, Largo Luigi Giannella dal 14 al 18 ottobre.
IL VOLO, SIMBOLO DELL'INTERNET VELOCE. L’iniziativa, nata per raccontare in modo attraente la nuova offerta commerciale congiunta delle due aziende, in realtà vuole anche regalare alla gente una esperienza da ricordare. “Volare” in Internet fino a 100 Mbps? Si può volare anche davvero, come si fosse un paracadutista in caduta libera. Per farlo le due aziende, assieme allagenzia Us Up, hanno installato una camera di volo capace di generare un flusso d’aria spinto fino a 250 km orari che permette alle persone di galleggiare sospese a 8 metri dal suolo.
TUTTI POSSONO PROVARE. Un esperienza alla portata di tutti: il simulatore di paracadutismo, infatti, non richiede alcuna preparazione tecnica o fisica: prima del volo ai partecipanti viene fatta indossare una tuta aerodinamica e viene tenuta una breve lezione dallo staff che è sempre presente per offrire assistenza e consigli.
IL CLIENTE DIVENTA PROTAGONISTA. «Si parla tanto del cliente al centro delle strategie delle aziende. In realtà il cliente si è messo al centro da solo: lui per primo ha preso coscienza della sua importanza per le aziende. Ha assunto una nuova consapevolezza e questo ha innescato un circolo virtuoso per le imprese che hanno spesso deciso di rispondere con strumenti di comunicazione interattiva», ha spiegato a Lettera43.it Luca Pacitto, Responsabile Comunicazione di Fastweb, sottolineando come ormai anche i clienti abbiano iniziato a chiedere, seppure indirettamente, «eventi non convenzionali che lasciano il segno. Esperienze che, anche solo visivamente, siano originali».

Emozionare per convincere: il nuovo trend della comunicazione

#Quisivola è realizzato da Fastweb assieme a Sky.

L’engagement, come viene definito in termini “tecnici” il livello di coinvolgimento del cliente, passa per sogni ed emozioni. Fastweb, che non è la sola ad aver fatto proprio questo valore, non è nuova a questa strategia.
UNA RINNOVATA STRATEGIA AZIENDALE. Anzi, l’evento #Quisivola è solo l’ultimo in ordine di tempo di una rinnovata strategia aziendale iniziata già nel 2013. Due anni fa erano stati sempre i milanesi e i turisti che dalla metropolitana del capoluogo lombardo si trovavano a passare a vivere una sensazione di sorpresa e straniamento assieme.
LA METRO MOSCOVA COME TOKYO SHIBUYA. Bastava scendere alla fermata della metro Moscova per trovarsi inaspettatamente catapultati in Giappone, nella stazione più tecnologica della metro di Tokyo, Shibuya. Nessun dettaglio era stato trascurato: dai monitor che trasmettono notizie, all’edicola, all’altoparlante che annuncia l’arrivo del treno in giapponese. Centinaia di comparse giapponesi e un unico obiettivo: far capire con mano come la velocità della Rete possa simbolicamente trasportare in pochi secondi in un’altra dimensione.
IL CRISTO REDENTORE 'OSPITE' A NAPOLI. Un principio che era stato alla base dell’evento con cui sempre l’aziende di telecomunicazioni era riuscita a portare in centro a Napoli il Cristo Redentore di Rio de Janiero (ovviamente un riproduzione, seppure fedelissima). “Una dimostrazione di come, nella vita di oggi, grazie all’innovazione, i confini tra la vita reale e quella digitale possano sparire offrendoci ogni giorno nuove e inaspettate opportunità”, ha detto Pacito.
INTERCETTARE RICHIESTE E CAMBIAMENTI. Tutti esempi che raccontano come le iniziative territoriali stiano diventando, sempre più spesso, il nuovo paradigma della comunicazione aziendale. O per lo meno una fetta importante. Lo dimostrano i fatti e anche i numeri alla mano: «Sull’intero budget destinato alla comunicazione il 20-25% viene oggi destinato proprio a questo tipo di eventi», spiega il responsabile della comunicazione di Fastweb.
IL CLIENTE DETTA LE REGOLE. Che però precisa come il valore fondamentale per le aziende oggi sia soprattutto il saper leggere, con tempestività, le tendenze e le richieste dei clienti ormai sempre più precise e dirette. «Per farlo occorre avere la capacità di cambiare strategia, modificare le proprie visioni e intervenire in maniera molto veloce». Insomma, anche quando si parla di comunicazione, la flessibilità è un valore chiave.

Correlati

Potresti esserti perso