Raiway 150225112102
STABILITÀ 20 Ottobre Ott 2015 1925 20 ottobre 2015

Canone Rai in bolletta, il nodo della connessione Internet

Le novità sul canone nelle bozze della legge di Stabilità. Esenzioni solo per chi dichiara di non possedere né un televisore, né una connessione web. Il ministero dello Sviluppo Economico, per ora, non conferma e non smentisce.

  • ...

Sede Rai.

Il testo ufficiale ancora non c'è. Dal ministero dello Sviluppo Economico, che dovrà convertirlo con apposito decreto, fanno sapere di non averlo ancora ricevuto.
Ma le novità sul pagamento del canone Rai nella bolletta elettrica, filtrate dalle bozze della prossima legge di Stabilità, stanno già riscaldando il clima politico.
Le polemiche, dichiarazioni di Matteo Salvini a parte («Pagare il canone Rai? Ma non ci penso neanche. Io non ho il televisore»), si concentrano su uno dei tanti cambiamenti che la manovra finanziaria dovrebbe introdurre: dal 2016 si potrà essere esentati dal pagamento del canone solo nel caso in cui non si possieda né un telvisore, né una connessione ad Internet.
L'equazione 'internauta uguale telespettatore del servizio pubblico', tuttavia, ha suscitato immediatamente un certo malcontento, veicolato proprio attraverso la Rete. Anche per questo, forse, dal ministero dello Sviluppo Economico sul punto non arrivano ancora conferme e nemmeno smentite (mercoledì 21 ottobre il ministero ha precisato: «Chi ha una connessione Internet in casa, ma non ha il televisore, potrà dichiararlo e non pagherà», ndr).
Ecco quali sono le innovazioni che, secondo le indiscrezioni di stampa, interesseranno il pagamento del canone Rai a partire dal 2016.

Il canone costerà 100 euro

Il canone costerà 100 euro al posto dei 113 attuali. Sarà diviso in sei rate, dell'importo di 16,66 euro ciascuna. Si pagherà solo sulla prima abitazione, di proprietà oppure di residenza per chi vive in affitto. Tenendo conto dei tempi tecnici necessari per mettere a regime il nuovo sistema, al momento si prevede che il primo canone in bolletta si pagherà nel mese di marzo 2016.

Autocertificazione per chiedere l'esenzione

Per non pagare il canone, secondo quanto riportato dal quotidiano La Stampa, «basterà un'autocertificazione inviata all’Agenzia delle Entrate, in cui si dichiara di non possedere né un televisore, né una connessione Internet. In questo caso basterà pagare la bolletta elettrica in qualsiasi modo tranne che con addebito bancario automatico, in modo da poter eliminare quei 16,66 euro (che saranno indicati con una voce a parte) e pagare così solo l’elettricità».

L'incognita sim-card e chiavette Usb

È considerato un utente della Rai, quindi, chiunque abbia una connessione fissa a Internet nella propria casa. Ma come la mettiamo con le sim-card e con le connessioni mobili tramite chiavetta Usb? Al momento non ci sono certezze.

Per chi non paga 500 euro di multa

I morosi rischiano una multa di 500 euro, pari a cinque volte l’importo del canone. Ancora da definire, invece, le nuove responsabilità a carico dei gestori energetici, che di fatto svolgeranno anche il compito di esattori del canone. In base alle ultime indiscrezioni tali società (in Italia sono 461) saranno costrette a versare una penale di 30 euro per ogni segnalazione mancata. Inoltre, per l’evasore scoperto scatterà la violazione della legge sull’autocertificazione. Sarà quindi perseguibile anche in sede penale.

Lo Stato ci guadagna 500 milioni in più

Saranno circa 22 milioni i contribuenti italiani chiamati al pagamento del canone. Il gettito complessivo per lo Stato dovrebbe essere in tutto di 2,2 miliardi di euro. Vale a dire circa 500 milioni in più rispetto all'importo incassato nel 2015.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso