Quartier Generale Google 150811134148
AZIENDE 28 Gennaio Gen 2016 1300 28 gennaio 2016

Fisco: Google deve pagare 300 milioni all'Italia

Verbale della Gdf all'azienda. Che ha usato la sede fiscale in Irlanda dove la tassazione è più favorevole.

  • ...

Il quartier generale di Google.

Dopo Apple, anche Google è finita nel mirino del Fisco italiano.
La procura della Repubblica di Milano e la Guardia di finanza hanno notificato al colosso di Mountain View un 'processo verbale di accertamento' per la riscossione di 300 milioni di euro.
A Google viene imputato di aver evaso imposte dal 2009 al 2013 per 227 milioni di euro, su un imponibile di circa 300 milioni, attraverso una «stabile organizzazione occulta in Italia» facendo risultare sede fiscale della società l'Irlanda, dove la tassazione è più favorevole.
OMESSA DICHIARAZIONE E PAGAMENTO. Sono due i rilievi di presunta evasione fiscale rilevati dalla Gdf: un'omessa dichiarazione Ires su redditi per circa 100 milioni di euro con una presunta imposta evasa di 27 milioni di euro (l'Ires è del 27%) tra il 2009 e il 2013; un'omessa applicazione e versamento di ritenute per circa 200 milioni tra il 2009 e il 2013 con una presunta imposta evasa per gli stessi 200 milioni.
VERSO UN ACCORDO SUI 220-270 MILIONI. Con la trasmissione della verifica fiscale all'Agenzia delle Entrate quest'ultima, stando a quanto è stato riferito, emanerà un avviso di accertamento fiscale nei confronti di Google che sarà il primo passaggio per un eventuale accordo tra il gruppo e il Fisco italiano per chiudere il contenzione tributario con un eventuale risarcimento.
Se l'azienda californiana deciderà di chiudere la partita, il contenzioso potrebbe concludersi con un conto che si aggira tra i 220 e i 270 milioni.
APPLE HA PAGATO 318 MILIONI. «Google rispetta le normative fiscali in tutti i Paesi in cui opera: Continuiamo a lavorare con le autorità competenti», è stata la replica di un portavoce di Mountain View.
A fine dicembre scorso, Apple Italia aveva versato nelle casse dello Stato 318 milioni di euro nell'ambito di un procedimento con al centro una presunta evasione fiscale di circa 879 milioni di euro. In procura a Milano, poi, sono state aperte altre analoghe inchieste su colossi dell'informatica come Amazon e Western Digital.
UE, GUERRA AL 'TURISMO D'IMPOSTA'. Sempre il 28 gennaio è stato annunciato il pacchetto della Commissione europea per combattere l'evasione fiscale delle multinazionali che sfruttano le differenze legislative dei 28 Paesi europei per pagare meno tasse possibili. L'idea è quella di allineare le regole in materia di Fisco per combattere la pianificazione 'aggressiva' delle aziende che operano in più Paesi e spesso spostano i profitti laddove è più vantaggioso.

Correlati

Potresti esserti perso