Cattaneo_Ntv
AZIENDE 30 Marzo Mar 2016 1555 30 marzo 2016

Telecom, Flavio Cattaneo nuovo amministratore delegato

L'ex Terna e Ntv designato per la guida del gruppo. Nomina ratificata dal cda.

  • ...

Flavio Cattaneo, amministratore delegato di Telecom.

Telecom ha scelto il suo nuovo amministratore delegato: è Flavio Cattaneo.
Il nome di Cattaneo era tra i papabili per la sostituzione del dimissionario Marco Patuano, ma l'ufficializzazione è arrivata solo il 30 marzo. Il Consiglio di Amministrazione di Telecom Italia «condivise le considerazioni del Comitato nomine e remunerazione, ha nominato Flavio Cattaneo amministratore delegato, conferendogli deleghe esecutive», ha scritto in una nota la società.
A LUI I PIANI INDUSTRIALI. A Cattaneo spettano l'identificazione delle linee guida di sviluppo del gruppo, di intesa con il presidente esecutivo Giuseppe Recchi e «le responsabilità del governo complessivo della società e del gruppo, inclusa la responsabilità di definire, proporre al consiglio di amministrazione e quindi attuare e sviluppare i piani strategici, industriali e finanziari e tutte le responsabilità organizzative per garantire la gestione e lo sviluppo del business in Italia e in Sud America».
Nato a Rho, in provincia di Milano, il 27 giugno del 1963, Cattaneo è laureato in architettura al Politecnico di Milano e specializzato in finanza per Real estate alla Bocconi.
DA GIOVANE FACEVA IL DJ. Diventato imprenditore edile nel 1989, non ha mai smesso di essere affascinato dallo spettacolo. Da giovane faceva il dj a Radio Lombardi 91, una piccola emittente per cui raccontò di aver costruito un ripetitore «così potente che a un certo punto ci ascoltavano fino a Cremona». Il primo aprile del 2003, ad appena 40 anni, approdò alla Rai come il più giovane direttore generale nella storia della tivù di Stato, per lasciare il 4 agosto del 2005. «Due anni in Rai equivalgono a 20 in un’altra azienda», disse di quell'esperienza.
PIÙ ATTENTO AI CONTI CHE AGLI ARTISTI. Il suo biennio fu segnato da risultati positivi, ma le opinioni di chi lavorò con lui si dividono. «Malgrado abbia rimesso a posto i conti Rai, malgrado le sue reti abbiano vinto sfide importanti, resta un uomo senza scrupoli che ha trattato gli artisti come numeri, barattoli, saponette», raccontò di lui Piero Chiambretti. «Per me è stato il più grande direttore, un manager moderno che aveva una priorità: i conti» è invece la descrizione che ne fece Simona Ventura.
Nel 2008 fu indagato, ma la sua posizione fu successivamente archiviata, a causa di alcune intercettazioni telefoniche risalenti al periodo 2004-2005 in cui sembrava vi fossero intrecci tra Rai e Mediaset. Nel 2012 uscirono dei rumor su un suo possibile passaggio a Cologno Monzese, smentiti successivamente dai fatti.
NOVE ANNI IN TERNA E UN BOOM DEL TITOLO IN BORSA. In Terna la sua esperienza più lunga da dirigente: tre mandati e poco meno di nove anni da amministratore delegato tra il primo novembre 2005 e il 27 maggio 2014. Sotto la sua guida, tra la sua nomina e il 31 dicembre 2011, il gruppo ha visto un incremento del valore del titolo in Borsa pari al 28%. Dal bilancio del 2012 emerse che il suo stipendio annuo ammontava a 2,39 milioni di euro.
A dicembre del 2014 ha iniziato una nuova avventura come indipendente nel consiglio d'amministrazione di Nuovo trasporto viaggiatori Spa, per diventare, all'inizio dell'anno successivo, amministratore delegato della società.
SPOSATO CON SABRINA FERILLI. Padre di due figli avuti dalla prima moglie Cristina, ha iniziato a frequentare l'attrice Sabrina Ferilli nel 2006. I due si sono sposati a Parigi nel 2011, tenendo il matrimonio segreto e affermando che le fedi che portano alle dita sono un semplice pegno d'amore. Nel 2014, però, il certificato è stato pubblicato da Oggi.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso