Cattaneo 160331170427
POTERE 31 Marzo Mar 2016 1605 31 marzo 2016

Cattaneo in Telecom grazie a Confalonieri

Dietro la nomina dell'ex Ntv c'è il presidente Mediaset. Che ha agito quasi come un agente, trattando anche sullo stipendio.

  • ...

Fedele Confalonieri e Flavio Cattaneo.

Il suo predecessore, Marco Patuano, era ben voluto a Sky.
Flavio Cattaneo, invece, è stimato oltre ogni misura sull’other side. Proprio a Mediaset l’ex direttore generale della Rai avrebbe trovato il migliore sponsor che si possa immaginare per il suo passaggio a Telecom Italia: Fedele Confalonieri.
Il quale avrebbe caldeggiato la sua nomina come amministratore delegato con i suoi amici Vincent Bollorè (capo di Vivendi e a sua volta azionista forte dell’ex monopolista telefonico) e Tarek Ben Ammar.
Per il dopo Patuano il mercato e gli azionisti cercavano un manager italiano. Il quale, a differenza di chi l’aveva preceduto, sapesse anche parlare con il governo e le autorità.
FEDELE IL FACILITATORE. Infatti sono ancora caldi gli scontri tra l’ex prima linea di Telecom con Palazzo Chigi su Metroweb o con l’Agcom sulle nuove tariffe.
Ma Bollorè avrebbe scelto Cattaneo (in passato piazzato dal centrodestra alla Fiera di Milano e in Rai) proprio su “consiglio” di Confalonieri. Che avrebbe facilitato la trattativa tra i due, anche occupandosi degli aspetti più prosaici della vicenda: dallo stipendio, che è stato oggetto di una lunga trattativa, fino all'accorto in cui si prevede che Cattaneo resti azionista di Ntv.
Qualcuno già dice che il presidente di Mediaset sia diventato il Mino Raiola di Cattaneo. Con una piccola differenza però: al contrario di quanto avviene per l’ex pizzaiolo olandese con Ibrahimovic o Pogba, presto l'attuale ad di Telecom Italia potrà restituire il favore all’influente “procuratore”.
Come? Per esempio non mettendosi di traverso sugli intrecci tra il Biscione e l’ex monopolista telefonico, che tanto spaventavano Patuano.

Correlati

Potresti esserti perso