Roaming 160427184106
TLC 27 Aprile Apr 2016 1841 27 aprile 2016

Roaming, taglio delle tariffe dal 30 aprile 2016

In attesa dell'abolizione totale del balzello nel giugno 2017, i costi sono ridotti di 4-5 volte.

  • ...

In arrivo un nuovo taglio delle tariffe di roaming, ovvero quelle che scattano quando dall'estero si vuole chiamare nel proprio Paese. Sabato 30 aprile scatta una sforbiciata ai sovraccosti, ultima tappa in preparazione della fine completa del balzello fissata per giugno 2017.
TETTO DEI COSTI RIDOTTO DI 3-4 VOLTE. Per la prima volta il traffico voce, sms e dati sarà contabilizzato all'interno del proprio abbonamento, senza più essere considerato un extra con tariffa a parte, e il nuovo tetto massimo di costi extra che le compagnie telefoniche potranno imporre sarà di 3-4 volte inferiore a quelli attualmente in vigore quando si viaggia all'estero e si usa il cellulare.
FINE DEFINITIVA IL 15 GIUGNO 2017. Dal 30 aprile in poi, infatti, potranno imporre per le chiamate al massimo 5 centesimi contro i 19 attuali (sempre Iva esclusa), 2 centesimi per gli sms contro i 6 attuali, e 5 centesimi per i dati contro i 20 attuali. Il provvedimento europeo è frutto dell'accordo raggiunto nell'estate 2015 da Commissione, Parlamento e Consiglio Ue, che fissa un periodo di transizione che comincia il 30 aprile 2016 e la fine definitiva dei sovraccosti del roaming il 15 giugno 2017.
DA DEFINIRE IL CONCETTO DI USO EQUO. Bruxelles ha tempo sino a dicembre per definirne con precisione legale l'unico limite: farne un «uso equo», ovvero il divieto di abusi come l'acquisto di una sim straniera in un Paese in cui i prezzi sono inferiori per usarla in modo permanente nel proprio Paese di residenza. In caso di abusi, l'operatore telefonico potrà infatti imporre al proprio utente un recupero dei costi.

Correlati

Potresti esserti perso