Vaticano 150112125528
ECONOMIA 28 Aprile Apr 2016 1606 28 aprile 2016

Vaticano, triplicate le transazioni finanziarie sospette

Rapporto Aif pone l'accento sul boom nell'ultimo anno. E nel 2015 chiusi 4.800 conti allo Ior.

  • ...

Città del Vaticano.

Triplicano le segnalazioni di transazioni finanziarie sospette, chiudono 4.800 conti allo Ior, crescono le operazioni sospese preventivamente.
Sono alcuni dei dati della lotta al riciclaggio diffusi dall'Autorità di informazione finanziaria vaticana nel Rapporto annuale 2015.
Il dato più eclatante è l'impennata delle segnalazioni di operazioni sospette: lo scorso anno sono state 544, più che triplicate rispetto alle 147 del 2014. Ma questo «non a causa di un più elevato tasso di criminalità nel settore finanziario», precisa l'Aif. Piuttosto il dato è da attribuirsi al «rafforzamento dei sistemi di segnalazione». Per quanto riguarda lo Ior, «la questione è stata definitivamente risolta», ha spiegato il direttore dell'Autorità Tommaso Di Ruzza.
RAPPORTI NON CONFORMI. Con la chiusura di 4.800 conti a ottobre dello scorso anno è stata chiusa la partita. Si tratta, ha spiegato sempre il direttore, di «tutti i rapporti non conformi al quadro regolamentare vaticano vigente e alla politica sull'utenza adottata dallo Ior». Altro dato in evidenzia è il passaggio transfrontaliero di denaro in contanti. La somma massima che si può portare in tasca passando le Porte della cittadella vaticana è di 10 mila euro e nel 2015 si sono registrate 1.563 dichiarazioni, una media di quattro al giorno, per passaggi di denaro superiori alla cifra limite.
USCITI OLTRE 24 MILIONI. In totale lo scorso anno sono usciti dal Vaticano, in cash, oltre 24 milioni di euro, e ne sono entrati quasi 10. Ma i dirigenti dell'Authority di vigilanza, giunta quest'anno al suo quarto rapporto, mettono in evidenza i passi in avanti fatti nella direzione della trasparenza. «La cooperazione internazionale» - ha sottolineato il presidente dell'Aif, René Brulhart - «resta un impegno chiave. Sono stati sottoscritti ulteriori protocolli d'intesa con le Autorità competenti di altre giurisdizioni e lo scambio di informazioni a livello bilaterale è aumentato significativamente».

Correlati

Potresti esserti perso