Marcopodini Presidente Piteco 160517153345
AZIENDE 18 Maggio Mag 2016 1046 18 maggio 2016

Piteco, la software house specializzata in servizi per la tesoreria

Dopo lo sbarco in Borsa ora l'azienda guarda all'estero. Il presidente Podini: «Il nostro prodotto vince anche fuori dall'Italia perché è completo».

  • ...

Ha chiuso l'esercizio 2015, l'anno della quotazione in Borsa all'Aim, con ricavi in crescita del 9% a 13,4 milioni di euro. E ora software house Piteco (acronimo di pianificazione e tesoreria computerizzata) guarda oltre i confini italiani.
FATTURATO A 15 MILIONI. Nata circa 30 anni fa, è un'azienda snella, con sede a Milano, che conta circa 80 collaboratori e che ha un fatturato di 15 milioni di euro l'anno. È focalizzata nell'area della gestione della tesoreria e dei flussi finanziari tramite un software che si agganciano a quelli dell'azienda.
CLIENTI TIPO: AZIENDE MEDIO-GRANDI. Il clienti tipo di Piteco? Si tratta di società medio-grandi che hanno sedi in vari Paesi del mondo. Per un Cfo un sistema come Piteco rappresenta l'opportunità di avere una fotografia chiara della situazione finanziaria dell'azienda. Al momento Piteco lavora con 2.500 aziende, il 50% delle quali conta un fatturato superiore a 500 milioni di euro. Si parla di player quali Magnolia, Rai e De Agostini. I clienti sono prevalentemente italiani ma non non mancano grossi gruppi stranieri, quali Bosch, che lavorano nel nostro Paese.
PODINI: «ESPANSIONE ALL'ESTERO». E nel futuro si guarda all'estero. «I proventi dello sbarco in Borsa nel 2015 saranno impiegati proprio per espanderci al di fuori dei nostri confini nazionali anche perché il nostro è un mercato early stage che quindi offre grandi margini di crescita», spiega il presidente di Piteco Marco Podini. L'idea è nata negli anni in cui la crisi economica è cominciata: «Abbiamo notato che molti clienti si sono spostati all'estero e li abbiamo seguiti. Abbiamo avuto così modo di capire che il nostro prodotto è vincente perché per la sua completezza rappresenta il best in class», prosegue Podini. L'obiettivo è chiaro: sbarcare entro il 2016 negli Usa.
PRODOTTO COMPLETO. La carta vincente su cui l'azienda vuole puntare per la sua conquista dell'America è proprio la completezza del software: «Gli altri prodotti concorrenti non consentono di gestire alcuni aspetti come il factoring o comunque non consentono di avere una visione complessiva della situazione finanziaria», precisa il presidente, «peraltro Piteco è uno strumento che può essere adattato con facilità alle esigenze del cliente. Altri prodotti come Sap consentono la 'customizzazione', ma il costo è molto più alto».
PITECO TRA I BIG DATA. La piattaforma è in continua espansione: il software Piteco è composto da una suite di venti moduli. Tra questi Piteco Cbc, un software per gestire le disposizioni di pagamento. Una novità è invece Match.it, un prodotto che analizza big data. L'obiettivo è passare in rassegna una grande mole di informazioni, operazione che altrimenti renderebbe necessario il lavoro di un gran numero di persone con costi relativi molto alti.

Correlati

Potresti esserti perso