OPERE 31 Maggio Mag 2016 2239 31 maggio 2016

San Gottardo, via all'apertura del tunnel più lungo al mondo

Mercoledì l'inaugurazione della galleria di 57,1 km in Svizzera costata quasi 11 miliardi di euro. Presenti i leader europei. Renzi: «Simbolo contro muri». Foto.

  • ...

Da mercoledì 1 giugno il Nord e il Sud dell'Europa sono più vicini, di almeno mezz'ora, con l'apertura in Svizzera della galleria del San Gottardo. Che con i suoi 57,1 km di lunghezza è il tunnel ferroviario più lungo del mondo (guarda le foto).
In Svizzera è partita l'inaugurazione: per i soli festeggiamenti, gli elevetici hanno investito 9 milioni di franchi e organizzato uno spettacolo che coinvolge 600 artisti.
PRESENTI MERKEL, HOLLANDE E RENZI. Gli ospiti sono oltre 1.100, 300 i giornalisti accreditati per l'evento, che si svolge contemporaneamente a Erstfeld nel canton dell'Uri e a Pollegio nel Canton Ticino, cioè ai due lati della galleria.

Presenti all'appuntamento i leader europei: il presidente francese Francois Hollande, la cancelliera Angela Merkel, il premier Matteo Renzi e il cancelliere austriaco Christian Kern.
Il tunnel ha «un alto valore simbolico del quale come Italia siamo molto grati», ha dichiarato Renzi, «in un momento in cui si costruiscono muri, oggi la Svizzera ha fatto una galleria di collegamento e di occasioni di incontro. È il cantiere del secolo».
MERKEL: «IL SAN GOTTARDO È UN SIMBOLO». «Dobbiamo proteggere i confini esterni, e per farlo il mercato comune è un elemento chiave», ha dichiarato la cancelliera tedesca nel suo discorso ufficiale. Da questo punto di vista, ha aggiunto, «la galleria di base del San Gottardo è un simbolo».
«L'identità dell'Europa», ha concluso, «è sempre stata la nostra ricchezza culturale e così deve rimanere».

Il presidente del Consiglio Matteo Renzi, la cancelliera tedesca Angela Merkel, il presidente francese Francois Hollande e il presidente della Confederazione Elvetica Johann Schneider-Ammann (Ansa).


Merkel, Hollande e Renzi hanno provato insieme il treno che ha attraversato per primo la galleria, seduti in uno scompartimento con il presidente della Confederazione Elvetica Johann Schneider-Ammann.
Una volta arrivati da Erstfeld a Pollegio, il premier italiano ha poi salutato se ne è andato prima del discorso ufficiale, che per l'Italia è stato tenuto dal ministro Delrio.
NEL 2020 DA ZURIGO A MILANO IN TRE ORE. Quando nel 2020 sarà inaugurato anche il tunnel Ceneri, nel Canton Ticino, e saranno pronte (come ha assicurato il ministro dei Trasporti Graziano Delrio) anche le opere dal lato italiano, si arriverà da Zurigo a Milano in meno di tre ore. Si è trattato di un lavoro enorme durato 17 anni e costato 12,2 miliardi di franchi svizzeri di cui la Svizzera è a dir poco fiera.

«IMPORTANTE CONTRIBUTO ALL'EUROPA». «È un importante contributo che diamo all'Europa», ha spiegato il ministro dei Trasporti elvetico Doris Leuthard, «che simboleggia il nuovo approccio europeo ai trasporti», sempre più per ferrovia e sempre meno affidato ai camion.
È un cambiamento che anche l'Italia considera «prioritario» ha detto Delrio annunciando che l'obiettivo è di «spostare in quattro anni il 30-40% delle merci che oggi viaggiano su strada su ferro».
IL BRENNERO BATTERÀ IL RECORD. La rete c'è già ed è «sottoutilizzata», poi ci sono i lavori per il terzo valico in Liguria, per il tunnel del Brennero e anche il progetto, ad iniziare dal 2018, di far viaggiare i treni merci la notte sui binari dell'alta velocità senza considerare i bonus per chi sceglie traghetti e treni per il trasporto merci.
Già ora a Trieste, ha ricordato, quasi l'80% delle merci viaggia in questo modo e questo ha permesso di togliere 300 mila camion turchi dalle strade.
Quando poi il Brennero sarà terminato, fra 10 anni, sarà quello con i suoi 62,7 km, ha sottolineato Delrio, il tunnel più lungo del mondo.

Record di lunghezza e di profondità

Per la Svizzera rappresenta «l'opera che segna il secolo. Con i suoi 57,1 km è la più lunga galleria ferroviaria al mondo. Ci sono voluti 17 anni per realizzarla. Considerando tutto l'Alp Transit (il corridoio ferroviario attraverso le Alpi, ndr) è costata 21,5 miliardi di euro e ha coinvolto operai, tecnici e imprese di 15 Paesi.
2,3 CHILOMETRI DI PROFONDITÀ. Sotto il profilo ingegneristico, l'opera non segna solo il record di lunghezza, ma anche di profondità di una galleria: nel punto più profondo il tunnel tocca i 2.300 metri.

Per realizzare la galleria sono state utilizzate 4 talpe meccaniche con un diametro di 9,5 metri, lunghe 450 metri. In tutto sono stati scavati 152 chilometri per i 2 binari unici e i cunicoli di areazione. Rimosse un totale di 28,2 milioni di tonnellate di terra, al 90% riutilizzato per il calcestruzzo usato come rivestimento del tunnel.
325 TRENI AL GIORNO. Una volta a regime il tunnel permetterà il passaggio di 260 treni merci e di 65 treni passeggeri al giorno, con tempi di percorrenza che si accorceranno notevolmente rispetto a quelli attuali, a beneficio di tutta la filiera logistica. Da Milano sarà possibile raggiungere Zurigo in 3 ore. Il nuovo tunnel dovrebbe sbloccare in Europa il trasporto merci lungo l'asse nord-sud Genova-Rotterdam.
PIENO REGIME A DICEMBRE. Problemi ancora esistono, sia in Italia (Terzo Valico), sia in Svizzera e Germania (Basilea, Karlsruhe). Prima che la galleria entri ufficialmente in funzione, a dicembre, le Ferrovie Svizzere hanno deciso di mettere in funzione il Gottardino, un treno speciale che dal 2 agosto al 27 novembre permetterà ai passeggeri di arrivare a una profondità record, nella stazione multifunzionale di Sedrun, che è 800 metri sottoterra.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso