Corte Conti 120628161710
CONTI PUBBLICI 8 Giugno Giu 2016 1831 08 giugno 2016

Corte dei Conti: «Nel 2015 calano i redditi dei dipendenti statali»

Riduzione di 1 punto percentuale sul 2014. Con il blocco degli stipendi la spesa si è ridotta del 6,3%. Risparmi per 11 miliardi di euro, ma turn over di nuovo inceppato.

  • ...

L'ingresso della Corte dei conti.

Dall'inizio della stretta sul pubblico impiego, ovvero dal decreto legge del 2010 che ha bloccato gli stipendi degli statali, si è registrata «una riduzione della spesa per redditi da lavoro dipendente di quasi 11 miliardi di euro (il 6,3% in meno), con un riposizionamento della variabile ai livelli del 2006». Tradotto: gli incrementi dovuti a due tornate contrattuali si sono di fatto annullati.
I calcoli li ha fatti la Corte dei Conti, che mercoledì 8 giugno ha presentato la relazione sul costo del lavoro pubblico. Ma c'è di più.
NEL 2015 I REDDITI DEGLI STATALI VALGONO 161,7 MLD. Nel corso del 2015, infatti, i redditi da lavoro dipendente si sono attestati su un valore di 161,7 miliardi di euro, con quella che la Corte stessa ha definito «una sorprendente riduzione rispetto al 2014 di oltre un punto percentuale». Eppure, la nota di aggiornamento al Def 2015 aveva previsto una «seppur lieve ripresa della dinamica incrementale».
Per il futuro, i magistrati contabili non prevedono inversioni di tendenza. Anzi, con riferimento al turn over, la Ragioneria generale ipotizza «un ulteriore dimagrimento del numero dei pubblici dipendenti di oltre un punto percentuale».
IN ARRIVO UN CONTENIMENTO DELLE ASSUNZIONI. I 300 milioni di euro stanziati dalla legge di Stabilità 2016 per il rinnovo dei contratti degli statali, in altre parole, non bastano a colmare il gap retributivo accumulato durante gli ultimi sei anni. Per la Corte sono sufficienti a coprire soltanto «l'indennità di vacanza contrattuale» e per giunta sono «finanziati attraverso un nuovo inasprimento delle politiche di contenimento delle assunzioni»
Si ripropone così una misura che sembrava superata nella manovra precedente, quella relativa all'esercizio 2015.
MADIA: «VICINI A UNA NUOVA STAGIONE». Il ministro della Pubblica amministrazione, Marianna Madia, intervenendo alla presentazione della relazione della Corte dei Conti, ha provato a tranquillizzare gli statali: «Siamo alla vigilia della riapertura della stagione contrattuale», ha detto Madia.
Prima però occorre finalizzare l'accordo sui comparti, poi si potrà iniziare. Con quale criterio? «Sostenere prima i lavoratori che hanno subìto di più la crisi, chi guadagna 200 mila euro l'anno può aspettare», ha precisato il ministro.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso