Madiariforme 160121105627
RIFORME 10 Giugno Giu 2016 2144 10 giugno 2016

Consulta, promosso dl Madia: no a lavoro oltre limite d'età

La Corte costituzionale approva la legge che impedisce il trattamento in servizio dopo la pensione: «Favorisce il ricambio generazionale».

  • ...

Il ministro per la Semplificazione e la Pubblica amministrazione, Marianna Madia.

La Consulta 'promuove' il decreto legge Madia (convertito nella legge n. 114 del 2014), che dice no al trattenimento in servizio oltre i limiti di età per la pensione nella Pubblica amministrazione. La Corte costituzionale con una sentenza deposita venerdì ha infatti dichiarato infondate le questioni di incostituzionalità sollevate a proposito di alcuni casi relativi a docenti universitari e avvocati dello Stato.
Il provvedimento, tra l'altro, dice la Corte, «favorisce il ricambio generazionale». La legge Madia infatti abolisce il trattenimento in servizio che permetteva di restare al lavoro due anni in più, ma per alcuni anche 5 dopo il compimento dell'età richiesta per andare in pensione (62 anni il limite standard nella P.a. che sale a 65 per i medici, a 68 per docenti universitari e primari a 70 per i magistrati).
Per la generalità del pubblico impiego lo stop alla possibilità di rimandare la pensione è scattato il 31 ottobre 2014, mentre una deroga è stata concessa alle toghe per cui, pur con alcuni paletti, la scadenza è fissata alla fine del 2016.
RICAMBIO GENERAZIONALE. La sentenza depositata venerdì (n. 133) ricorda che la norma che prevede l'eliminazione del trattenimento in servizio si inserisce tra le misure volte a «favorire la più razionale utilizzazione dei dipendenti pubblici», come afferma la legge stessa, e «costituisce - scrive la Corte, giustificando l'uso del decreto legge - un primo intervento, peraltro puntuale e circoscritto, di un processo laborioso, destinato a dipanarsi in un arco temporale più lungo, volto a realizzare il ricambio generazionale nel settore».
«ONERI SUL BILANCIO DECRESCENTI». La Consulta esclude anche la violazione dell'obbligo di copertura finanziaria del provvedimento facendo riferimento alla relazione tecnica dove, si legge nella sentenza, «è chiaramente indicato che, dopo l'anno 2018, gli oneri mostrano un andamento decrescente». Inoltre, la valutazione della legge «non può essere costretta in una dimensione temporale limitata, ma deve svolgersi in riferimento a un arco temporale sufficientemente ampio» durante il quale «l'attuazione delle misure in esame appare idonea ad agevolare risparmi da cessazione capaci di liberare risorse nuove spendibili per l'auspicato ricambio generazionale».
RISORSE PER NUOVE ASSUNZIONI. La 'ratio' della legge Madia, afferma la Consulta, è proprio «quella di favorire politiche di ricambio generazionale a fronte della crisi economica. Gli effetti positivi attesi dall'abrogazione del trattenimento in servizio sono connessi alla necessità di realizzare progressivi risparmi da cessazione che, in relazione al regime del turn over, alimenterebbero le risorse utilizzabili per le nuove assunzioni».
ANZIANITÀ NON ASSICURA QUALITÀ. Richiamando poi sue precedenti sentenze, la Consulta ribadisce che «il buon andamento dell'amministrazione non può dipendere affatto dal mantenimento in servizio di personale che ha raggiunto i limiti di età», posto che «il prolungarsi del servizio oltre i limiti non è sempre indice di accrescimento dell'efficienza organizzativa».
Nel verdetto si esclude anche la presenza di discriminazioni tra i diversi settori, in risposta ai dubbi sollevati dalla categoria degli avvocati di Stato (che a differenza della magistratura ordinaria non hanno beneficiato di termini più lunghi). Per la Consulta la proroga riconosciuta alle toghe riguarda il regolare funzionamento dei tribunali e nulla ha a che vedere con lo status professionale.

Articoli Correlati

Potresti esserti perso