Borsa: Europa debole, Milano la peggiore
MERCATI 13 Giugno Giu 2016 1820 13 giugno 2016

Borsa, l'Europa brucia oltre 130 miliardi di euro

A Milano, peggior piazza del Vecchio Continente, il Ftse Mib termina con Ftse Mib -2,91% a 16.621 punti. Pesanti Bp, Bpm e Mps.

  • ...

Il panico Brexit colpisce ancora i listini continentali e brucia oltre 130 miliardi dopo i 174 evaporati venerdì 10 giugno. Ad appesantire il clima la decisione sui tassi Usa attesa per mercoledì 15, il rallentamento della Cina e le prossime elezioni in Spagna, che alimentano il clima di incertezza internazionale.
MILANO MAGLIA NERA: -2,91%. Milano chiude come peggior piazza del Vecchio Continente in ribasso del 2,91% (ma era arrivata a perdere oltre il 3%) a 16.621 punti, sotto i livelli dello scorso febbraio. All-Share -2,95% a 18.293,46 punti.
Deboli Parigi (-1,85% a 4.227 punti) e Francoforte (-1,80% a 9.657 punti). Contiene i cali Londra, che ha ceduto l'1,16% a 6.044 punti.
PESANTI BP, BPM E MPS. A Piazza Affari raffica di sospensioni nel comparto bancario con Bpm e Banco Popolare che chiudono rispettivamente a -9,9% e -10%. Mps -9,14. Male anche Saipem (-6,1%) tornata di nuovo sotto i prezzi dell'aumento di capitale.
In forte calo anche Bper (-6,09%), Mediolanum (-6,53%) e Ubi (-6,12%), mentre Intesa ha lasciato sul campo il 5,89% e Unicredit il 5,29%.
MEDIASET - 4,55%. In difficoltà anche Mediaset (-4,55%), mentre il resto delle blue chips ha ceduto meno dell'indice.
Fca ha lasciato sul campo il 2,78%, Ferrari il 2,3% ed Eni il 2,32%. Più limitato il calo di Enel (-1,61%) e Poste (-1,53%).
A parte Snam (+0,57%) nessun titolo ha chiuso in positivo nel paniere principale.
RCS, NESSUNA ADESIONE A OPA CAIRO. Fuori dal paniere principale, positiva anche Rcs (+1,36% a 0,78 euro), al di sopra degli 0,7 euro dell'Opa di Andrea Bonomi e del concambio proposto da Cairo (-5,56% a 4,25 euro). Secondo quanto reso noto da Borsa Italiana, non c'è stata nessuna adesione all'Offerta pubblica di scambio di Urbano Cairo su Rcs, nel primo giorno dell'operazione.
STERLINA IN CALO. Sul mercato valutario l'euro si conferma sotto la soglia degli 1,13 nei confronti del dollaro e scambia a 1,129 da 1,1275 di venerdì 10. La sterlina perde altro terreno sulle principali divise: in particolare sono necessari 1,425 dollari per un pound e 0,7919 sterline per un euro.

Correlati

Potresti esserti perso