Modello 696X348 160614185739
FISCO 14 Giugno Giu 2016 1857 14 giugno 2016

Dichiarazione dei redditi, slittano le scadenze

Posticipati al 22 luglio gli invii di 730 e Unico. Per i privati e i commercialisti che ne hanno già mandato l'80%.

  • ...

Il modello del 730 del 2016.

Siete in ritardo con la dichiarzione dei redditi? Nessun problema. Le scadenze fiscali dei modelli precompilati slittano. Per il 730 ci saranno due settimane in più, tre per Unico 2016 destinato agli studi di settore.
L'invio telematico all'Agenzia delle Entrate del modello 730 è stato infatti posticipato dal 7 al 22 luglio per i Caf e i professionisti che entro l'originaria scadenza del 7 luglio abbiano già effettuato la trasmissione di almeno l'80% delle dichiarazioni.
UNA PROROGA CONDIZIONATA. Secondo quanto stabilito dal Dpcm in materia pubblicato in Gazzetta ufficiale, non si tratta quindi per gli intermediari di una proroga generalizzata, ma di un rinvio della presentazione all'Agenzia al massimo del 20% dei modelli.
La proroga è invece totale per i contribuenti autonomi, quelli cioè che non si avvalgono di Caf o commercialisti, ma trasmettono direttamente la dichiarazione all'Agenzia per via telematica.
Nessun rinvio, infine, per i sostituti d'imposta che prestano l'assistenza fiscale: per loro la scadenza resta quella del 7 luglio. Il termine slitta anche per circa 3,5 milioni di contribuenti sottoposti agli studi di settore. Per i pagamenti ci saranno in questo caso tre settimane in più, grazie al rinvio dal 16 giugno al 6 luglio. Le modalità dello slittamento sono le stesse del 2015 e riguardano solo i contribuenti con attività sottoposte agli studi: entro il 6 luglio si pagherà senza alcuna maggiorazione, mentre se il versamento avverrà entro agosto 2016 è previsto un aumento dello 0,4%.
IL 16 GIUGNO PRIMA RATA IMU E TASI. Il governo è così venuto incontro con le richieste dei commercialisti, alle prese in questo periodo dell'anno con infinite scadenze fiscali.
Il 16 giugno resta peraltro anche l'appuntamento con la prima rata di Imu e Tasi per circa 25 milioni di italiani.

Correlati

Potresti esserti perso