Twitter
9 Febbraio Feb 2017 1559 09 febbraio 2017

Twitter, conti in rosso: perdita di 167 milioni di dollari

Il sito di microblogging, nell'ultimo trimestre 2016, ha registrato un passivo record. Nello stesso periodo del 2015 il buco era di "soli" 90 milioni. Azioni in calo del 9%.

  • ...

Le azioni di Twitter perdono circa il 9% all'apertura della Borsa di Wall Street, dopo la notizia che nell'ultimo trimestre del 2016 il sito di microblogging ha fatto segnare perdite per 167 milioni di dollari.

CRESCITA BASSA. Il risultato, estremamente negativo, allarga il buco nei conti della società, che già alla fine del 2015 ammontava a 90 milioni. Nel 2016 Twitter ha potuto contare su 319 milioni di utenti attivi, il 4% in più sul 2015, ma le entrate pubblicitarie sono calate a 638 milioni di dollari. Sia i ricavi, sia il numero di utenti, sono risultati inferiori alle attese degli analisti e il fatturato è cresciuto lentamente, con il ritmo più basso dai tempi della quotazione in Borsa, datata novembre 2013.

RICAVI AL DI SOTTO DELLE ASPETTATIVE. Il quarto trimestre 2016 si è chiuso con 717 milioni di dollari di ricavi, ben al di sotto dei 740 che si aspettava il consensus. E le vendite sono cresciute di appena l’1%, contro il +48% messo a segno nello stesso periodo del 2015.

TRUMP NON BASTA. La passione social del nuovo presidente degli Stati Uniti non è dunque bastata a mutare le sorti finanziarie di Twitter. Il chief operating officer, Anthony Noto, pur respingendo l'idea di un effetto-Trump capace di spingere la crescita degli utenti, ha tuttavia affermato che il tycoon è riuscito a dimostrare «la potenza del mezzo». I tweet del presidente e le reazioni che provocano sono ormai diventati una fonte d'informazione essenziale per media e mercati. Eppure, ciò non sembra essere sufficiente a migliorare l'appetibilità del sito dal punto di vista commerciale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati