Autogrill Investments 160830182742
10 Marzo Mar 2017 1410 10 marzo 2017

Autogrill mette il segno più al 2016

La Società di ristorazione chiude il bilancio dell’anno passato con un utile di 98 milioni di euro e presenta il bilancio. 

  • ...

Il Consiglio di Amministrazione di Autogrill ha approvato il bilancio d’esercizio e quello consolidato al 31 dicembre 2016 chiudendo l’anno con una crescita netta del 54%, pari a 98,2 m€.

I PRINCIPALI RISULTATI DEL 2016. La società di ristorazione ha presentato i risultati ottenuti lo scorso anno, dimostrando una crescita costante sia in termini monetari che contrattuali.
I ricavi hanno avuto un balzo in avanti di circa 4,5mld€, in crescita del 4,6% mentre l’ EBITDA si è consolidato a 411,6 m€, con un +10,5%. Il risultato per azione (EPS) a 0,39€ è aumentato del 53,9% così come il flusso monetario netto dopo gli investimenti di 103,9m€, che ha segnato un +28,0m€.
Nel 2016 sono inoltre stati aggiudicati e rinnovati 7,9 mld€ di contratti, per cui il portafoglio complessivo di Autogrill ammonta a 34mld€ con una durata media di oltre 7 anni.
Sulla scia di questi successi si prospettano scenari di crescita continua per il futuro: nel periodo 2016-2019 è previsto un tasso di crescita annuale composto (CAGR) del fatturato tra il 5% e il 7% e un tasso di crescita annuale composto dell’EPS del 15%.
L’utile netto dell’anno si attesta a 98,2m€ (+53,9% a cambi costanti rispetto al 2015).
Anche gli azionisti possono dirsi soddisfatti: è stato proposto un dividendo di 0,16€ per azione (+33,3% rispetto ai 0,12€ nel 2015) ed è stata approvata una politica di distribuzione dei dividendi con un payout ratio tra il 40% ed il 50% dell'utile netto consolidato.

PRINCIPALI AREE DI PROFITTO. Nel canale aeroportuale le vendite sono aumentate dell’8,1%, sostenute dal buon andamento del traffico negli aeroporti di presenza, dall’ampliamento delle attività gestite e dalle acquisizioni realizzate negli Stati Uniti. La crescita è stata maggiore in Nord America dove sono stati generati ricavi per 2.609,6m$, in aumento a cambi costanti del 5,8% rispetto ai 2.476,8m$ del 2015: qui le vendite nel canale Aeroporti sono incrementate complessivamente del 6,7%. La crescita riflette la buona performance negli aeroporti statunitensi, che vedono un aumento sia nel numero degli scontrini emessi sia nella loro l'entità.
Nell’anno 2016 l’area International ha mostrato un’importante crescita del fatturato sostenuta sia dall’ottimo andamento nei principali aeroporti di presenza sia dalle nuove aperture. Il canale aeroportuale registra un aumento dei ricavi pari 20,4%, grazie alle ottime performance dell’aeroporto di Schiphol in Olanda, in Vietnam e India, all’ampliamento delle attività nel Regno Unito e in Finlandia e all’avvio delle attività in Cina a Pechino.
In Europa le vendite aeroportuali pari a 238,1m€ (225,3m€ nel 2015) hanno registrato un incremento del 6,1%. Il trend positivo è trainato dalle nuove aperture negli aeroporti di Ginevra e Monaco e dalle ottime performance di Dusseldorf, Atene e Palma di Maiorca. In contrazione le vendite dell’aeroporto di Bruxelles, probabilmente anche a causa dell’attentato terroristico dello scorso marzo.
Nel canale autostradale i ricavi registrano una crescita dello 0,5%. Il Nord America guida questo aumento con una crescita dei ricavi del 3%, grazie all’incremento dello scontrino medio negli Stati Uniti e all’apertura di una nuova area in servizio sulla Ontario Turnpike in Canada.
In Europa i ricavi nel canale Autostrade sono risultati pari a 1.214,3m€, sostanzialmente in linea rispetto ai 1.216,7m€ dell’esercizio 2015. Le buone performance registrate in Francia, Spagna e Svizzera hanno compensato la leggera flessione registrata in Italia (-0,8% a 818,4m€), a seguito della stagione di gare che ha interessato l’esercizio e che ha visto il Gruppo adottare una strategia di rinnovi selettivi.

AUTOGRILL AUMENTA IL PORTAFOGLIO CONTRATTI NEL MONDO. Il portafoglio contratti a fine 2016 è pari a 34mld€, con una durata media di 7,3 anni. Nel 2016 sono stati rinnovati circa 6,3mld€ di contratti e ne sono stati assegnati di nuovi di entità pari a circa 1,6mld€.
I principali risultati ottenuti sono stati in Nord America dove la Società è leader nel settore ristorazione veloce aeroportuale e partner dei principali scali del Paese. Lo scorso anno sono stati rinnovati i contratti con l’aeroporto di Charlotte-Douglas, con largo anticipo e per 10 anni, e il contratto di Orlando.
Nel Nord Europa il Gruppo ha firmato nuovi contratti, tra i quali gli aeroporti di Bergen e di Rotterdam, mentre nei mercati emergenti continua l’espansione nel Medio Oriente (Abu Dhabi e Doha) e in Asia (Pechino).
Oltre a questi contratti sono state completate anche le acquisizioni di CSM negli USA, rafforzando così la posizione a Los Angeles e a Las Vegas, e di Stellar Partners, innovativo operatore nel settore del convenience retail aeroportuale, aprendo nuove interessanti prospettive di crescita per il Gruppo.
Sono state anche concluse alcune cessioni in Europa come quella del business delle stazioni ferroviarie francesi e delle aree di servizio autostradali in Olanda. Queste ultime comprendevano un’importante componente alberghiera, attività non considerata strategica dal Gruppo.
Gianmario Tondato da Ruos, Amministratore Delegato della Società, ha così commentato i risultati dell’anno: «Il 2016 è stato un anno positivo, la Società ha conseguito ottimi risultati grazie al contributo di tutte le regioni dove operiamo: in Nord America, dove siamo leader incontrastati, abbiamo registrato vendite crescenti, in particolare nel settore aeroportuale; nell’area International siamo cresciuti a doppia cifra per il terzo anno consecutivo e in Europa abbiamo proseguito la razionalizzazione del portafoglio di attività e ottenuto importanti miglioramenti dei margini».

POLITICA DI REMUNERAZIONE DEGLI AZIONISTI. Il Consiglio di Amministrazione ha approvato una politica di remunerazione degli azionisti che si pone come obiettivo la distribuzione annuale di un dividendo per azione interamente monetario almeno in linea con quello dell'esercizio precedente, con un payout ratio compreso in un range tra il 40% ed il 50% dell'utile netto consolidato.
In termini monetari, per il 2016, è stato proposto l’utile netto di esercizio pari a 36.455.088€, integralmente a dividendo, 0,16€ per azione.
Lo stacco cedola verrà effettuato il 19 giugno 2017. E’ previsto anche un’ulteriore acquisto e successiva alienazione di azioni proprie ordinarie nel numero massimo di 12.720.000, pari al 5% del capitale, per operazioni di investimento e costituzione di un magazzino titoli, direttamente o tramite intermediari.
Sulla base di questi successi, l’AD Tondato da Ruos ha voluto concludere: «Nell’anno abbiamo raggiunto importanti successi in termini di rinnovi e vincite di nuovi contratti in tutte le aree geografiche, per circa 8 miliardi di Euro, portando il totale del portafoglio a 34 miliardi di Euro e allungandone la durata media. Inoltre, siamo in grado di definire per i prossimi anni una politica stabile dei dividendi, bilanciata con una chiara strategia di investimenti, a testimonianza del nostro impegno nei confronti di tutti gli azionisti. Possiamo affermare di possedere oggi una solida base per continuare a crescere nel futuro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati