Macchina Share’Ngo Ecowatch
13 Marzo Mar 2017 1127 13 marzo 2017

Share’ngo, Fastweb e Amat presentano Ecowatch-Intelligent Seed

Il progetto prevede lo sbarco a Milano di un nuovo car sharing, con biposto elettriche dotate di sistemi di rilevazione dei dati ambientali. Per città più smart, sicure e sostenibili.

  • ...

Share’ngo, Fastweb e Amat (Agenzia per la Mobilità, l’Ambiente e il Territorio di Milano) hanno presentato alla fiera “Fa la Cosa Giusta”, svoltasi tra il 10 e il 12 marzo, il progetto Ecowatch-Intelligent Seed, che rappresenterà il primo step del più ampio e ambizioso programma internazionale Intelligent Seed di Share’ngo.
A "Fa la Cosa Giusta", l’appuntamento più importante del settore dei consumi sostenibili, sono intervenute importanti personalità in rappresentanza dei partner del progetto, tra cui Sergio Scalpelli, Direttore delle Relazione esterne e istituzionali di Fastweb, che fa ha affermato: «in questo progetto l’innovazione è al servizio della qualità dell’ambiente. In futuro inoltre, vogliamo creare una rete wi-fi cittadina che utilizza anche le auto come hot spot».
Emiliano Niccolai, Amministratore Delegato di CS Group SpA, l’azienda con sede a Livorno che, col marchio Share’ngo, gestisce in Europa le operazioni di car sharing e noleggio basate sui veicoli elettrici prodotti dalla XINDAYANG Co, ha affermato: «Credo che il progetto Ecowatch–Intelligent Seed, primo atto di un ampio programma di ricerca internazionale dedicato agli Sharing Mobility Services per le Smart Cities, segni solo l’inizio di quello che possiamo aspettarci dalla collaborazione tra Share’ngo e le società di telecomunicazioni, dal marketing di prossimità alla navigazione urbana a realtà aumentata, solo per fare due esempi».
Presente anche Maria Berrini, Direttrice di Amat, agenzia di proprietà del Comune di Milano, che ha così sintetizzato l’aspetto più importante della sperimentazione: «La trasformazione di dati ambientali sempre più parcellizzati e accurati in informazioni immediatamente utilizzabili da chiunque viva in città, attraverso una pluralità di dispositivi sia personali, come uno smartphone, che territoriali, come i totem nelle metropolitane o i pannelli elettronici che segnano l’ingresso in Area C».
In particolare l’Assessore a Mobilità e Ambiente del Comune di Milano Marco Granelli, presente all’evento, ha voluto fare gli auguri ed esprimere il proprio riconoscimento ai partner che lavorano a questo progetto, sottolineando come questo sistema metta insieme mobilità e ambiente e renda più facile il monitoraggio della qualità dell’aria respirata.

Un'auto Share'ngo Ecowatch

LA FASE SPERIMENTALE DI ECOWATCH-INTELLIGENT SEED. Milano sarà la protagonista della fase sperimentale che darà avvio al progetto Ecowatch Intelligent Seed. Durante questa prima fase, che partirà il 1 maggio 2017, saranno messe in circolazione otto auto elettriche che, grazie a particolari dispositivi elettronici, saranno in grado di trasmettere importanti informazioni riguardanti la città: inquinamento ambientale e acustico, temperatura, umidità dell’aria e presenza di campi elettromagnetici.
Amat si occuperà di analizzare i dati rilevati mentre Fastweb assicurerà la connettività, per permettere una trasmissione dati in tempo reale. Entrambe lavoreranno insieme a Share’ngo, all’ideazione di nuove forme di rilevazione, trasmissione, aggregazione e presentazione di informazioni ai cittadini, al fine di proteggere la loro salute e di promuovere comportamenti più sostenibili, riducendo l’ inquinamento sia dell’aria sia acustico.
Le auto Share’ngo Ecowatch, oltre al BBOX/ROUTER con connettività Fastweb 3G e alla videocamera, sono dotate del particolare sistema Nuvap N1R, realizzato da una partnership tra NUVAP e Telcomms, che consente di rilevare in mobilità ben 24 diversi parametri ambientali.

GLI OBIETTVI DEL PROGRAMMA INTELLIGENT SEED DI SHARE'NGO. Tra gli obiettivi che questo programma internazionale di ricerca si prefigge ci sono la diminuzione massiccia delle auto in proprietà privata con la conseguente riduzione dello spazio dedicato ai parcheggi, l’incentivazione dell’uso di auto elettriche in car sharing con una notevole riduzione dell’inquinamento e la realizzazione di una flotta di auto connesse tra loro e funzionanti come hot spot wi-fi al servizio delle città.
Sostenibilità, sicurezza, sviluppo della città e rispetto dell’ambiente sono le parole chiave del programma Intelligent Seed che Share’ngo ambisce a far diventare una vera rete mondiale.
Oltre a Milano, il programma Intelligent Seed interesserà anche Roma e Firenze dove si sperimenterà un mesh network tra auto Share’ngo dotate di una connessione internet a bordo che, grazie alla logica open wi-fi, sarà fruibile sia da chi guida sia dai cittadini.
Lasciata l’Italia poi il programma firmato Share’ngo proseguirà in altre città, partendo da Amsterdam e arrivando fino a Ningbo in Cina, realizzando progetti simili ad Ecowatch-Intelligent Seed.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati