Miambiento
11 Aprile Apr 2017 1658 11 aprile 2017

“Mi ambiento”: la spinta del green è unstoppable e unTrumpable

Smart city, nuove tecnologie, finanza green: questo e molto altro al convegno organizzato da Fondazione Istud a Milano. La sfida della sostenibilità vince anche i dubbi del neo presidente degli USA.

  • ...

Molti gli ospiti presenti, inviati a Milano da Fondazione Istud per parlare del significato di sostenibilità per le imprese produttive e nella vita di tutti i giorni. Un incontro di esperienze per raccontare il green nelle sue diverse sfaccettature: dalla casa alle fabbriche, dalla mobilità alla finanza.

La smart city del futuro. «SmartCity, tutti ne parlano, nessuno l'ha ancora realizzata», così ha esordito Angelo Turi di R.E.D. srl, azienda che sta lavorando alla creazione di Milano4you, la prima smart city italiana, alle porte di Milano. Circa 90 mila metri quadri di superficie edificata tra residenziale, private, ville e social housing. E ancora un centro culturale, una residenza per anziani, un parco di 80 mila metri quadri e varie aree commerciali: un vero e proprio incontro tra urban design, concept energetico, digital e social.

La mobilità è green. Mezzi pubblici e carpooling: sono questi alcuni degli scenari per un futuro più sostenibile della mobilità emersi dal convegno Istud. È il caso di Metropolitane Milanesi spa, eccellenza meneghina raccontata da Luca Montani, direttore della comunicazione, il quale non solo ha ricordato come MM sia nata grazie ai cittadini milanesi, ma che ha espresso il legame tra il concetto di mobilità sostenibile e multi modalità e innovazione.

La locandina del convegno organizzato da Fondazione Istud.

Andrea Saviane, di BlaBlaCar, parla invece di carpooling e di nuove sfide, come quella dell’utilizzo di questo servizio per tratte brevi. Saviane ricorda come in italia il 91% dei km percorsi si facciano in auto e di come dopo decenni di incentivi per comprare auto, ora che la Green Economy è una priorità, manchino gli incentivi rivolti proprio al carpooling.

Finanza green, imprese e crowdfunding . Interessante poi l’intervento di Davide Panciera, di 3M, per il quale «la sostenibilità non è solo un costo, ma un'opportunità» e quello di Massimo Moretti, fondatore di Wasp, che racconta l’esperienza della sua azienda, cioè quella di “stampare case”; Wasp ha infatti creato la stampante 3D più grande al mondo con l'obiettivo di dare a tutti una casa sicura con poche centinaia di euro. E ancora Enea Roveda, ad di Lifegate, che insieme a Sella Gestioni ha lanciato di recente il primo fondo d'investimento a impatto in Italia, che investe in attività ad alto impatto sociale e ambientale, e Claudio Bedino, ceo e fondatore di Starteed.com, secondo cui il 2017 sarà l’anno dell’Equity Crowdfunding che, grazie alle misure contenute nella legge di bilancio 2017, godrà di un nuovo potenziale slancio che gli imprenditori e gli operatori dovranno saper cogliere senza indugi e con un po’ di coraggio.

La cultura green è unTrumpable. Tanti i personaggi che si sono susseguiti sul palco di “Mi Ambiento”, da Fabrizio Spada, Direttore della Rappresentanza Regionale della Commissione Europea a Milano, a Michele Gubert, di SOLIDpower; da Antonio De Bellis, di ABB, a Giovanni Roncucci, di Roncucci&Partners Group, e molti altri. Tutti a portare la propria esperienza e a discutere del significato di sostenibilità in un mondo in cui il neo presidente di una delle più grandi potenze mondiali, Donald Trump, solleva ancora dubbi sulla veridicità delle problematiche legate all’inquinamento e al clima, negando quindi l’impellente necessità di uno sviluppo più sostenibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati