Padoan
27 Maggio Mag 2017 1800 27 maggio 2017

«Il debito calerà»: la filastrocca di Padoan smentita dai numeri

A intervalli regolari, il ministro del Tesoro annuncia una svolta. Ma puntualmente i fatti lo sbugiardano. Anzi, nei primi mesi del 2017 la tendenza è in peggioramento: +42 miliardi in 90 giorni, un record.

  • ...

«Il debito pubblico italiano si è stabilizzato, ha smesso di crescere e non potrà stare fermo per molto tempo, scenderà rapidamente»: lo aveva assicurato, il 24 maggio 2016, il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan all’Ecofin a Bruxelles, confermando come il governo prevedeva una discesa già quell’anno. Nel Def di aprile il governo stimava che il rapporto debito/Pil sarebbe sceso dal 132,7% del 2015 al 132,4% nel 2016, per poi calare al 130,9% nel 2017, al 128% nel 2018 e al 123,8% nel 2019.

AFFERMAZIONI GIÀ SENTITE. Secondo le stime di allora della Commissione Ue, il debito italiano avrebbe cominciato invece a scendere solo nel 2017, un anno dopo il previsto, ma il ministro da un lato ha ricordato che «rispetto a qualche mese fa l'inflazione in Italia si è rivelata più bassa di quella attesa e quindi la crescita nominale è molto più bassa, ed è la crescita nominale, non la reale, che determina la dinamica del debito». Dall’altro ha aggiunto però: «Continuiamo a prevedere per il 2016 l'inizio della discesa del debito e questo dipende da una diversa valutazione che noi facciamo in tema di privatizzazioni rispetto a quella delle istituzioni internazionali». Va ricordato che anche il Fmi ha definito «difficile» il calo del debito italiano già dal 2016. Simili affermazioni le aveva già anticipate alla Camera, a fine gennaio 2016.

L'INPUT DI RENZI. Il debito pubblico italiano scenderà nei prossimi anni anche nel caso in cui il Pil dovesse diminuire, aveva affermato il ministro dell'Economia durante il question time alla Camera, citando alcune delle previsioni sui conti pubblici italiani redatte a livello internazionale (Ue, Ocse, Fmi). «Il debito comincerà a scendere a partire dall’anno prossimo», aveva detto ancora prima in un’intervista a Bloomberg il 6 settembre 2015, dopo che l'allora premier Matteo Renzi, nel suo intervento al forum Ambrosetti del 5 settembre 2015, aveva ribadito la necessità di un calo dal 2016.

Stiamo andando nella direzione giusta, forse staccheremo gli altri e questo sarebbe un vantaggio per Europa nel suo complesso

Pier Carlo Padoan

«Stiamo andando nella direzione giusta, forse staccheremo gli altri e questo sarebbe un vantaggio per Europa nel suo complesso»: così sempre il ministro, in un’intervista alla tivù Class Cnbc, tirando la volata a Renzi secondo il quale l’Italia punta a conquistare la maglia rosa nella crescita. «Il piano Juncker è uno strumento importante», aggiungeva. «Spero dia una grossa mano al Paese e all’Europa nel suo complesso. Per sfruttarlo al meglio l’Italia deve imparare a fare progetti e a usare strumenti pubblici». Stessi concetti espressi il 18 dicembre 2014, al Congresso della Lega Coop. Peccato che la realtà sia invece diversa, profondamente diversa.

SITUAZIONE DRAMMATICA. Pubblichiamo in calce una tabella riepilogativa del debito pubblico italiano, dalla quale emergono dati drammatici. La crescita annua è sempre significativa, nonostante il bassissimo livello degli interessi passivi che gravano sui titoli emessi dal Tesoro. Negli ultimi anni si è un po’ ridotto il trend di crescita, e si è passati da un aumento di 80 miliardi di euro circa all’anno a uno di circa 40. Però nei primi tre mesi del 2017 l’aumento è stato di 42 miliardi, 14 al mese, crescita storica, pur influenzata da effetti di stagionalità. Non possiamo stare tranquilli, con il debito che abbiamo; le affermazioni-placebo che ci vengono somministrate prima o poi perderanno gli effetti e la situazione emergerà in tutta la sua drammaticità. Il debito pubblico italiano è un mostro che nessuno saprà mai domare, al di là delle chiacchiere e dei proclami. Anzi, è una situazione che tutti cavalcano, alla grande, finché dura.

STESSO REFRAIN SULLE TASSE. Ora però siamo ancora più preoccupati. Padoan sta dicendo che ridurrà anche le imposte (17 maggio 2017). Speriamo proprio non accada come per il debito. Già in aprile aveva affermato, nel corso di un’audizione al Senato sul Def, che il governo intende evitare ogni aumento dell'Iva e procedere sulla strada del taglio alla pressione fiscale con misure credibili. Un anno prima (6 giugno 2016) aveva detto che la pressione fiscale «continuerà a scendere nei prossimi anni anche se non facessimo interventi specifici». Scenderà al 40% «non so se entro la legislatura» ma in ogni caso «in pochi anni», così a Porta a Porta. Anche la crescita «si rafforzerà perché dobbiamo vedere ancora in pieno l’impatto delle riforme strutturali, compresa la riforma costituzionale». Ma c’è da crederci?

Dati in miliardi di Euro

Anno

PIL

Debito Amministrativo Pubblico Consolidato

Saldo interessi

Delta debito pubblico

Governi

1980

203

114

8

-

Cossiga I – II - Forlani

1981

244

141

10

27

Forlani – Spadolini I

1982

288

169

17

28

Spadolini II – Fanfani VI

1983

335

203

24

34

Fanfani VI – Craxi I

1984

383

247

30

44

Craxi I

1985

430

300

34

53

Craxi I

1986

475

357

38

57

Craxi I – Craxi II

1987

520

417

38

60

Craxi II – Fanfani VI – Goria

1988

577

481

45

64

Goria – De Mita

1989

634

553

55

72

De Mita – Andreotti VI

1990

701

668

67

115

Andreotti VI

1991

766

755

83

87

Andreotti VI –VII

1992

806

850

94

95

Andreotti VII – Amato I

1993

830

960

101

110

Amato I – Ciampi

1994

878

1.069

93

109

Ciampi – Berlusconi I

1995

947

1.151

102

82

Dini

1996

1.004

1.214

108

63

Dini – Prodi I

1997

1.049

1.238

92

24

Prodi I

1998

1.091

1.254

82

16

Prodi I – D’alema

1999

1.127

1.282

71

28

D’alema

2000

1.191

1.300

72

18

D’alema – Amato II

2001

1.249

1.358

75

58

Amato II – Berlusconi II

2002

1.295

1.369

68

11

Berlusconi II

2003

1.335

1.393

65

24

Berlusconi II

2004

1.400

1.445

63

52

Berlusconi II – Berlusconi III

2005

1.423

1.513

67

68

Berlusconi III

2006

1.475

1.582

68

69

Berlusconi III – Prodi II

2007

1.554

1.599

78

17

Prodi II

2008

1.575

1.663

80

64

Prodi II – Berlusconi VI

2009

1.520

1.769

106

Berlusconi VI

2010

1.552

1.851

82

Berlusconi VI

2011

1.578

1.907

56

Berlusconi VI – Monti

2012

1.566

1.989

82

Monti

2013

1.605

2.070

81

Monti - Letta

2014

1.622

2.137

67

Letta – Renzi

2015

1.645

2.173

36

Renzi

2016

1.672

2.218

45

Renzi - Gentiloni

2017

MAR

2.260

42 in 3 mesi

Gentiloni – Record temporale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso