Draghi 1
29 Maggio Mag 2017 1533 29 maggio 2017

Draghi all'europarlamento: «Ripresa solida, ma stimoli necessari»

Il presidente della Bce positivo sulla congiuntura economica: «Ma il target dell'inflazione resta lontano, serve ancora un sostegno extra».

  • ...

I fondamentali dell'economia europea sono in miglioramento, ma per Mario Draghi non è ancora arrivato il momento di dargli un aiutino. «Rimaniamo fermamente convinti che una quantità straordinaria di supporto alla politica monetaria è ancora necessaria per riassorbire l'attuale livello di risorse non utilizzate e perché l'inflazione rientri e si stabilizzi in modo duraturo intorno al 2% nel medio termine», ha detto il presidente della Bce in audizione davanti al Parlamento europeo.

«TARGET INFLAZIONE LONTANO». «La ripresa sta diventando sempre più solida e continua ad ampliarsi», la «disoccupazione è scesa al livello più basso dal 2009», la fiducia di consumatori e imprese è salita.

Ma «le pressioni sull'inflazione» e quelle domestiche dagli stipendi, sono ancora «insufficienti a sostenere una duratura convergenza sull'inflazione verso l'obiettivo di medio termine» e quindi «abbiamo ancora bisogno di condizioni del credito molto accomodanti», ha spiegato Draghi.

«SOSTERREMO LA RIORGANIZZAZIONE BANCARIA DEL DOPO-BREXIT». «Siamo pronti a sostenere le banche a riorganizzare le loro attività nella zona euro» in seguito alla Brexit, ma è «necessario che le banche si preparino in tempo», ha continuato il presidente della Bce, «molti dei rischi del processo di Brexit hanno a che fare con come il processo viene gestito, se viene gestito bene i rischi potrebbero non materializzarsi».

«PAESI CON DEBITO ALTO PENSINO A CRESCERE». «È chiaro che mentre l'inflazione converge verso il nostro obiettivo e la convergenza diventa autosufficiente, i Paesi con alto debito e poca crescita affronteranno un conto degli interessi più alto. Servono quindi politiche di bilancio ma soprattutto politiche che aumentino la crescita», ha concluso.

«ELEZIONI OPPORTUNE? NON STA A ME DIRLO». Draghi ha anche risposto a un eurodeputato italiano che gli chiedeva se fosse un momento opportuno per avere elezioni in Italia. «Ci sono elezioni dappertutto, difficile dare un giudizio, certamente non sono io quello che può dare un giudizio migliore sulla data delle elezioni»:

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso