9 Giugno Giu 2017 1058 09 giugno 2017

Industria 4.0, Boccia: l'Italia sta recuperando

All'evento Ansa si parla del piano nazionale. Per il leader di Confindustria è positivo «ma vanno consolidati risultati».

  • ...

Su Industria 4.0 l'Italia ha accumulato un discreto ritardo rispetto a Paesi come Francia e, soprattutto Germania, ma ora sta recuperando. Lo ha confermato, in apertura dell'incontro organizzato oggi dall'Ansa a Milano il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, intervistato dal direttore dell'agenzia, Luigi Contu, e dal vicedirettore Fabio Tamburini. Boccia ha fatto un bilancio positivo del Piano nazionale Industria 4.0 approvato l'anno scorso dal governo aggiungendo che, tuttavia, occorre insistere e consolidare i primi risultati che si stanno raggiungendo. La parola ai protagonisti è il titolo dell'evento scelto dall'Ansa perché, come è stato detto, «la ripresa del Paese passa attraverso l'aumento di produttività delle imprese e Industria 4.0 rappresenta una occasione straordinaria». Lo ha ricordato nel suo intervento di presentazione l'amministratore delegato dell'Ansa, Giuseppe Cerbone.

NUOVA SEZIONE ANSA. L'evento è stato organizzato in occasione della presentazione di una nuova iniziativa dell'agenzia: il lancio del notiziario ansa Industry 4.0 e del portale online collegato, che si propongono come punto di riferimento dell'informazione sull'argomento sfruttando le potenzialità del portale Ansa.it, che ha raggiunto una media di 16 milioni di utenti unici al mese. Ansa Industry 4.0, all'interno del canale Economia di Ansa.it, darà spazio a notizie, storie d'impresa, personaggi, tecnologie, dall'Italia e dall'estero, seguendo passo dopo passo lo sviluppo del piano Italia Industria 4.0 approvato dal governo.

TANTI OSPITI DEL MONDO ECONOMICO. All'incontro hanno partecipato imprenditori, manager, consulenti. Tutti hanno sottolineato che «gli esempi virtuosi non mancano», aggiungendo però che «occorre conoscerli meglio e moltiplicarli». Sono intervenuti Roberto Crapelli (amministratore delegato di Roland Berger Italia), Andrea Dell'Orto (vice presidente esecutivo e vicepresidente Assolombarda con delega a Industria 4.0), Giuseppe Falco (amministratore delegato Boston consulting group Italia, Grecia, Turchia), Stefano Firpo (direttore generale del Ministero per lo Sviluppo economico), Gianni Franco Papa (direttore generale di Unicredit), Andrea Pontremoli (amministratore delegato del gruppo Dallara), Giuseppe Zampini (presidente di Ansaldo energia). Tra gli interventi va segnalato quello di Luca Giuratrabocchetta, country leader di Amazon web services.

SERVE PASSARE DALLE PAROLE AI FATTI. Negli ultimi mesi Industria 4.0, definita come la quarta rivoluzione industriale, è diventato un argomento di grande attualità. Gli incentivi resi disponibili dal Piano nazionale del governo hanno funzionato e dal mondo delle imprese arrivano segnali di grande interesse e disponibilità a investire. Investimenti che possono dare un contributo decisivo alla ripresa dell'economia. E non si tratta solo dell'industria manifatturiera ma sono coinvolti mondo dell'agricoltura e dei servizi. Si è sulla strada giusta, è stato detto, ma occorre fare di più. In particolare va dato impulso ai poli territoriali previsti dal provvedimento governativo e alla rete delle infrastrutture in banda larga delle telecomunicazioni per la circolazione dei dati. La necessità, è stato sottolineato, è di passare sempre più dalle parole ai fatti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso