Morando
10 Giugno Giu 2017 1210 10 giugno 2017

Morando: «Non sarà una manovra lacrime e sangue»

Il vice ministro dell'Economia ospite al convegno dei giovani di Confindustria a Rapallo. Annunciato un taglio del cuneo fiscale per l'assunzione dei ragazzi. Casaleggio: «Basta crescita da zero virgola».

  • ...

Niente lacrime e sangue. Lo ha assicurato il vice ministro dell'Economia Enrico Morando intervenendo alla seconda giornata del convegno dei Giovani di Confindustria a Rapallo. «Gentiloni sta serenissimo e lo è sempre stato», ha detto. «C'è qualche ragione per ritenere che questa prossima legge di bilancio, che presenteremo tra qualche settimana non sia lacrime e sangue, perché ci sono orientamenti della commissione Ue molto rilevanti» per ridurre l'aggiustamento strutturale.

«IL CONTESTO È UN PO' MIGLIORATO». Morando ha poi spiegato che «sarà molto più facile» eliminare le clausole di salvaguardia, magari aggiungendo «un intervento strutturale a favore del cuneo sui giovani». Rispetto a «un passato non molto lontano il contesto è un po' migliorato», ha aggiunto il vice ministro. «Alcune riforme strutturali, poche ma significative, sono state fatte. Su questo sentiero stretto abbiamo camminato, il sentiero si sta allargando. Sarebbe bene che il Paese non perda questa occasione».

TAGLIO DEL CUNEO FISCALE SUI GIOVANI. Il taglio del cuneo fiscale per l'assunzione dei giovani «è una proposta che abbiamo lanciato all'assemblea. Speriamo sia massiva e rilevante come l'abbiamo immaginata», ha commentato il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia. «È una bellissima notizia», ha aggiunto, sottolineando che questa «non è una questione di impresa, categoriale, industriale. Ma una questione di società prima ancora che di economia. Su questo bisogna aprire un grande tavolo di confronto, concentrarsi sui fondamentali dell'economia reale del Paese».

CASALEGGIO: «INNOVAZIONE TEMA CHIAVE». Presente a Rapallo anche il Movimento 5 stelle. Ha parlato Davide Casaleggio dal palco: «L'innovazione è un tema chiave se vogliamo a crescere oltre lo "zero virgola" e io penso che dobbiamo pensare alle doppie cifre e nell'innovazione di doppie cifre ce ne sono». In questo senso è fondamentale l'investimento in Ricerca e sviluppo. «In Italia parliamo dell'1,3% del Pil investito su ricerca e sviluppo in Germania è del 2,8%», ha detto Casaleggio.

LA RAGGI INVITA A INVESTIRE SU ROMA. In collegamento via Skype con il convegno è intervenuta la sindaca di Roma Virgina Raggi: «Stiamo lavorando molto per far ripartire la Capitale, il mio invito di venire a investire qui, stiamo rilanciando i mercati rionali, stiamo cercando di coniugare la tradizione della città con aspetti nuovi, stiamo cercando di aprire tutte le porte. E per questo stiamo lanciando il progetto "fabbrica Roma", con in mente un po' il modello olivettiano».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso