Governo pone fiducia su manovra
14 Giugno Giu 2017 1952 14 giugno 2017

Il governo pone la fiducia sulla manovrina: cosa prevede

Voucher per famiglie e imprese, norma salva direttori dei musei, webtax, nuovo stop a Flixbus, soldi per le province, assunzioni nella scuola, tasse su Airbnb e l'addio alle monetine: cosa c'è nella finanziaria-bis.

  • ...

Nato per dare seguito alle richieste europee di correzione dei conti pubblici, il decreto di aprile ha assunto progressivamente i contorni e le dimensioni di una vera e propria legge di bilancio, trasformandosi in una manovra-bis. Le norme, su cui il governo ha chiesto la fiducia al Senato, vanno infatti dal fisco ai trasporti, dallo sport alla cultura, dalla ricostruzione post-terremoto ai alle banche (giovedì 15 giugno Palazzo Madama ha approvato il testo in via definitiva con 144 sì, 104 no e un solo astenuto).

Ecco quali sono le misure previste:

CORREZIONE DA 3,4 MLD, ESTESO LO SPLIT PAYMENT. Il capitolo fiscale, necessario per attuare la correzione dei conti pari allo 0,2% del Pil, è il più nutrito. Dal 1 luglio lo split payment viene ampliato alle partecipate pubbliche e alle 40 big quotate nel Ftse Mib portando 1 miliardo nel 2017 e 1,5 miliardi nel 2018. Arrivano nuove regole anti truffa sulle compensazioni fiscali che valgono dal 2018 1,9 miliardi e norme più stringenti sui pignoramenti immobiliari dei grandi evasori (85 milioni quest'anno, 282 a regime). Salgono le accise sulle sigarette (83 milioni nel 2017 e 125 milioni a regime dal 2018).

CLAUSOLE IVA PIÙ LEGGERE. Grazie alla correzione strutturale, il peso degli aumenti dell'Iva e delle accise comincia a scendere da 19,6 a 15,7 miliardi nel 2018 e da 23,2 a 18,9 miliardi nel 2019. Per l'aliquota agevolata del 10% si prevede quindi un incremento nel 2018 limitato all'11,5% anziché al 13%, mentre per l'aliquota ordinaria del 22% si dovrebbe passare al 25% il prossimo anno, al 25,4% nel 2019 per poi scendere al 24,9% nel 2020 e tornare al 25% nel 2021. Sul fronte delle accise semplice a slittamento degli aumenti al 2019.

WEB TAX TRANSITORIA. Non ancora una vera e propria tassa, ma un tentativo di regolamentazione. Le imprese del web con oltre 1 miliardo di fatturato potranno stringere accordi preventivi con l'Agenzia delle Entrate ed evitare cosi' inchieste della magistratura. E' prevista una sorta di compliance rafforzata per evitare di infrangere la legge e di pagare sanzioni.

STRETTA SU AFFITTI ONLINE, TASSA SOGGIORNO ANCHE IN AIRBNB. I portali come Booking.com e Airbnb, anche se senza stabile organizzazione in Italia, dovranno nominare un rappresentante fiscale in modo da poter agire da sostituti di imposta e richiedere la cedolare secca al 21% a nome del fisco. La nomina di un rappresentante fa emergere l'impresa anche ai fini della web tax. Le case private sono inoltre equiparate agli hotel e dovranno riscuotere quindi la tassa di soggiorno.

NUOVI VOUCHER. Arrivano i Libretti famiglia e il 'contratto di prestazione occasionale' riservato alle microimprese sotto i 5 dipendenti. Il tetto e' fissato a 5.000 euro per lavoratore e per datore di lavoro, con un ulteriore limite di 2.500 euro l'anno per le prestazioni rese a un singolo datore.

MAXIMULTA FINO A 200 EURO PER 'PORTOGHESI' SU BUS. I gestori possono affidare l'accertamento anche "a soggetti non appartenenti agli organici". Le rilevazioni dei sistemi di video sorveglianza presenti a bordo e alle fermata valgono come prova.

NORMA AD HOC PER LO STADIO DELLA ROMA. Si regolamentano demolizioni e cessioni di superficie e la realizzazione di immobili non sportivi, si concede il diritto allo sfruttamento commerciale dell'area limitrofa in occasione di grandi eventi.

NOZZE ANAS-FS. Via libera alla maxioperazione, previsto un aumento degli investimenti del 10% nel 2017 e nel 2018.

ADDIO A 1 E 2 CENTESIMI. Le monetine di rame scompariranno dal primo gennaio 2018. Se si paga in contanti è previsto un meccanismo di arrotondamento al multiplo di 5 più vicino. Il destino della norma è però incerto, perché contestata al Senato.

RADDOPPIA LA TASSA SULLA FORTUNA. Dal primo ottobre, il prelievo sulla parte di vincita eccedente i 500 euro passerà al 12%. Sale dal 6% all'8% il prelievo sulle vincite al Lotto, mentre il Preu sulle slot passa al 19% e quello sulle videolottery al 6%. Anticipato il taglio delle slot.

FONDI TERREMOTO, UN MILIARDO L'ANNO PER RICOSTRUZIONE. La legge stanzia di 1 miliardo per ciascuno degli anni 2017, 2018 e 2019. Nei comuni di Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo colpiti dal sisma è istituita una 'zona franca urbana'.

SALVA MUSEI. Dopo la sentenza del Tar che ha annullato cinque nomine di direttori di musei, si rimette mano alla legge per chiarire che nella nella procedura di selezione pubblica internazionale non ci sono limiti di accesso per gli stranieri.

NPL E BAIL IN. Il mercato dei crediti deteriorati si apre ancora, mentre dal bail in sono esclusi i fondi pensione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso