MNB S Request Manager
16 Giugno Giu 2017 1525 16 giugno 2017

Amazon compra Whole foods per quasi 14 milioni di dollari

Il colosso dell'e-commerce investe sui supermercati di lusso, che continueranno a operare come marchio separato.

  • ...

Amazon scommette sui supermercati biologici e lancia una nuova rivoluzione nel settore delle vendite al dettaglio. Il colosso di Jeff Bezos paga 13,7 miliardi di dollari in contanti per Whole foods, confermando la volontà di conquistare il mercato alimentare e di farlo a colpi di negozi 'tradizionali'. La mossa a sorpresa arriva come una doccia fredda per i rivali di Amazon e Whole foods, che affondano in borsa: Wal-Mart perde oltre il 6%, Supervalu arriva a cedere il 17%, Target il 9,7%.

MERCATO DA 600 MILIARDI DI DOLLARI. Dopo aver rivoluzionato le vendite online, il timore è che ora Amazon possa cambiare radicalmente quelle 'fisiche' in un mercato degli alimentari che vale 600 miliardi di dollari, caratterizzato da consumatori che ancora preferiscono scegliere di persona la frutta e la verdura. Con i 460 punti vendita di Whole Foods negli Stati Uniti, in Canada e in Gran Bretagna, Amazon si trova «a un'ora o mezz'ora di distanza» da milioni di persone e quindi - afferma Bain & Company - nella posizione di offrire consegne a domicilio quasi immediate.

MAGGIORE ACQUISIZIONE NELLA STORIA. L'acquisizione, la maggiore della storia di Amazon, e' un'operazione che ''trasforma non solo le vendite al dettaglio degli alimentari, ma le vendite al dettaglio in generale. Le implicazioni vanno ben al di là del settore alimentare», mette in evidenza Moody's. A preoccupare le rivali delle due società non sono tanto le consegne ma la possibilità che con Amazon alle spalle, e la sua 'spinta deflazionistica' come alcuni osservatori l'hanno descritta, Whole foods possa abbassare i prezzi divenendo meno elitaria e più competitiva.

RISCHIO DI UNA GUERRA AL RIBASSO. Una prospettiva che fa tremare le catene alimentari rivali, che temono una guerra al ribasso dei prezzi. Gli analisti invece non escludono una 'guerra al rialzo' del prezzo per Whole foods. Secondo gli osservatori, altri colossi potrebbero infatti farsi avanti in parte perché il prezzo offerto da Amazon non è poi così elevato, ma soprattutto per fermare Amazon. L'offerta «sottovaluta le prospettive e la potenza del marchio» Whole Foods: «un'altra offerta non è da escludere, anche come misura difensiva per tutelarsi dalla minaccia Amazon», afferma Oppenheimer. L'acquisizione da parte di Amazon dovrebbe essere completata nella seconda metà dell'anno, dopo le autorizzazioni delle autorita' competenti e l'approvazione degli azionisti. La prova saranno gli investitori di Whole foods, dove di recente è andato in scena lo scontro fra l'hedge fund-azionista Jana Partner e l'amministratore delegato della società, John Mackey, che lo ha definito un «avido bastardo». Jana ha subito messo sotto pressione la società, mettendo l'accento su azioni sottovalutate e innescando cambi nel consiglio di amministrazione che hanno messo le ali al titolo Whole foods. L'unione con Amazon innesca una nuova corsa al rialzo per le azioni Whole Foods, che arrivano a guadagnare il 26%. Amazon ha messo sul piatto 42 dollari per azione, con un premio del 27% rispetto alla chiusura di giovedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso