IMG 1976
16 Giugno Giu 2017 1811 16 giugno 2017

Genova-Shangai: l'accordo Ansaldo Energia con Shanghai Electric

La società genovese Ansaldo Energia e la Shanghai Electric Group hanno siglato tre siglato accordi per la generazione di energia in Cina e Pakistan.

  • ...

L’inserimento delle grandi società stati cinesi nell’azionariato dei gioielli del nostro capitalismo è ormai una realtà consolidata. Ma oltre la svendita tout court e le dolorose cessioni per competere sul mercato esistono anche forma di partnership bidirezionali, in cui l’Italia cede un pezzo (minoritario) di sé per aver accesso all’enorme potenzialità del mercato asiatico.

È caso di Ansaldo Energia, la società genovese presieduta da Giuseppe Zampini che proprio oggi ha firmato tre importanti accordi con la Shangai Electric Group, società che gestisce oltre il 30% del mercato cinese di generazione di energia, e che è azionista di Ansaldo Energia con la quota del 40%.

L’intesa, i cui dettagli sono stati diffusi a margine dell’inaugurazione del nuovo stabilimento di Ansaldo Energia a Genova Cornigliano, ha coinvolto anche i principali enti elettrici cinesi, Shenergy Electric Group e Shanghai Electric Power, ed è stata siglata alla presenza di Han Zheng, Segretario del Partito Comunista di Shanghai, la più alta carica politica di quel territorio, e di Huang Dinan, Presidente di Shanghai Electric Group.

Proprio nell’area di Shangai saranno infatti costruiti due impianti di generazione di energia, utilizzando la tecnologia più avanzata di Ansaldo Energia, vale a dire le maxi turbine a gas GT36 totalmente made in Italy, e assemblate nel nuovo stabilimento di Genova Cornigliano.

Ma il consolidamento asiatico non si limiterà alla terra della Grande Muraglia ma si espanderà anche in Pakistan, attraverso la fornitura di macchinari e dei principali componenti per la realizzazione di un nuovo impianto. Con questi accordi le competenze ingegneristiche tricolori penetreranno prepotentemente nel mercato cinese, grazie ad impianti d’avanguardia caratterizzati da elevata efficienza produttiva e da bassi impatti ambientali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati