Bankitalia,debito ancora record, 2278mld
14 Luglio Lug 2017 1511 14 luglio 2017

Bankitalia rafforza le stime di crescita per il 2017

Calano invece le entrate tributarie: 33,5 miliardi, meno 0,3 rispetto a quelle rilevate nello stesso mese del 2016.

  • ...

Bankitalia rivede al rialzo le stime per la crescita del Pil nel 2017, fissandola a +1,4% contro il precedente 0,9% di gennaio, già in parte corretto nelle scorse settimane a +1,3% dopo la revisione del dato sul primo trimestre da parte dell'Istat. Nel bollettino economico, l'istituto centrale prevede ora un aumento dell'1,3 del Pil nel 2018 e dell'1,2 l'anno successivo. La spinta, viene sottolineato, arriverebbe soprattutto dalla domanda interna, con una espansione dei consumi e degli investimenti «a ritmi relativamente sostenuti».

CALANO LE ENTRATE TRIBUTARIE. Calano invece le entrate tributarie contabilizzate nel bilancio dello Stato: 33,5 miliardi, meno 0,3 miliardi rispetto a quelle rilevate nello stesso mese del 2016. Nei primi cinque mesi del 2017 queste sono state pari a 154,4 miliardi, in crescita del'1,4% rispetto al corrispondente periodo del 2016. Con riferimento ai sottosettori, spiega l'istituto centrale, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 8,1 miliardi, quello delle Amministrazioni locali di 0,1 miliardi; il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.

NUOVO RECORD PER IL DEBITO PUBBLICO. Ancora un record, invece, per il debito pubblico. A maggio il debito delle amministrazioni pubbliche, secondo quanto informa la Banca d'Italia, è stato pari a 2.278,9 miliardi, in aumento di 8,2 miliardi rispetto ad aprile. L'incremento è dovuto principalmente al fabbisogno mensile delle amministrazioni pubbliche (7 miliardi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso