POUNDS
23 Luglio Lug 2017 1100 23 luglio 2017

Regno Unito, il crowdfunding per gli estremisti

Il ministero dell’Interno britannico ha chiuso l'inchiesta relativa al finanziamento degli integralisti. Centinaia di migliaia di sterline sono state versate a gruppi islamisti radicali da donatori singoli, anonimi, residenti in Patria. L'articolo di Pagina99.

  • ...

Chi finanzia l’estremismo islamico in Gran Bretagna? Nel 2015, una commissione d’indagine voluta dall’ex premier David Cameron cominciò a indagare sui flussi di denaro a favore di organizzazioni, centri culturali e gruppi radicali islamisti in Inghilterra. L’indagine è arrivata a conclusione ma il ministro dell’Interno, Amber Rudd, ha comunicato che per ora che resterà secretata: contiene «informazioni altamente sensibili» per la sicurezza nazionale, ha dichiarato.

L'OMBRA SAUDITA. Le opposizioni protestano, chiedendo che il report venga reso pubblico, e accusano il governo di voler coprire le responsabilità di Paesi come l’Arabia Saudita nel finanziamento a organizzazioni di stampo wahabita, una corrente sunnita che propaganda una versione integralista dell’Islam. Alcune notizie però cominciano a trapelare e preoccupano le autorità britanniche. Il governo ha scoperto infatti che negli ultimi anni centinaia di migliaia di sterline sono state versate a gruppi islamisti radicali da donatori singoli, anonimi, residenti nel Regno Unito.

UN TESORETTO DI PICCOLE DONAZIONI. L’evidenza è riportata nella breve nota pubblicata dall’Home Office, in cui si dice che «la principale fonte di sostegno per le organizzazioni estremiste viene da piccole, anonime, donazioni pubbliche, principalmente da individui nel Regno Unito». Il report spiega anche che alcune persone sono state foraggiate dall’estero per andare a studiare in istituzioni che «insegnano forme molto conservatrici di Islam». La nota di Rudd non menziona i Paesi di origine dei finanziamenti esteri né altri Stati.

Questo articolo è tratto dal nuovo numero di pagina99, "nuovi muri, gli svizzeri contro le aziende italiane", in edicola, digitale e abbonamento dal 21 al 27 luglio 2017.

Solo 4 anni fa le nostre aziende erano invitate a trasferirsi in Canton Ticino. Oggi è diverso: il timore che trovino...

Geplaatst door Pagina99 op donderdag 20 juli 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso