Migliori Piattaforme Per Trovare Lavoro Giovani
22 Agosto Ago 2017 1732 22 agosto 2017

Lavoro, con gli sgravi obiettivo 300 mila giovani assunti nel 2018

Marco Leonardi, consigliere economico di Palazzo Chigi ha spiegato che il governo punta a un grande numero di assunzioni per il prossimo anno grazie al dimezzamento dei contributi per le aziende.

  • ...

Dare una nuovo impulso al mercato del lavoro, puntando all'assunzione stabile di 300mila giovani. È l'obiettivo che si pone il governo con la legge di Bilancio per il 2018, che introdurrà una nuova forma di incentivi mirati, molto probabilmente, agli under 29. Insieme ai nuovi sconti per spronare le imprese ad assumere dovrebbero arrivare anche, come confermato dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, nuovi finanziamenti per le aziende che investono, questa volta nella formazione 4.0 dei dipendenti per meglio fronteggiare la 'rivoluzione digitale'.

L'ESECUTIVO PUNTA ALLA MANOVRA IN AUTUNNO. Mentre i tecnici stanno riaprendo i dossier dopo la pausa estiva comincia a prendere forma il 'pacchetto crescita' che l'esecutivo intende presentare con la manovra d'autunno, l'ultima prima della fine della legislatura. A indicare i contorni del nuovo piano per i giovani è il consigliere economico di Palazzo Chigi, Marco Leonardi. La nuova misura strutturale allo studio per creare posti di lavoro stabili per i giovani punta quindi a quintuplicare le assunzioni rispetto all'apprendistato, che pure ha ripreso vitalità ma 'tira' poco, all'incirca 70mila contratti l'anno.

TETTO AI CONTRIBUTI DI 3.250 EURO. A differenza dei vecchi sgravi, introdotti con il Jobs act, che avevano durata triennale e finiscono appunto quest'anno, il governo questa volta pensa a un dimezzamento dei contributi per le assunzioni, con un tetto a 3.250 euro, per i primi due o tre anni di contratto (questo punto è ancora oggetto di approfondimento). Sull'età delle assunzioni incentivabili nei giorni scorsi si era ventilata la possibilità di fissare l'asticella a 32 o a 35 anni. Probabilmente, invece, saranno agevolate le assunzioni degli under 29, scelta «preferibile», spiega sempre Leonardi, per non contravvenire al dettame europeo che non vuole discriminazioni in base all'età dei lavoratori.

DIFFICILE UN TAGLIO DEL CUNEO. I paletti europei potrebbero essere un problema anche per il 'secondo step' del piano tratteggiato in queste settimane, quello che prevedeva dopo i due anni al 50% un taglio strutturale di 3 o 4 punti del cuneo. L'ipotesi si sta ancora «esplorando» ma sembrerebbe di difficile attivazione se applicata ai soli giovani. E troppo costosa se applicata a tutti. L'ipotesi di un bonus con questi limiti non piace però anche a parte della maggioranza, a partire dal presidente della commissione Bilancio, Francesco Boccia, che invita a smetterla con gli «slogan» e chiede un dibattito «serio» all'interno del Pd e nel governo ripartendo dalla decontribuzione piena del 2015.

SACCONI: «SERVE VERO PIANO». Ma critiche arrivano anche dal presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi mentre Mdp chiede un «vero» piano per il lavoro e gli investimenti. Al momento, comunque, non sono state prese decisioni, che si valuteranno solo quando saranno più chiari sia il quadro macroeconomico sia le risorse a disposizione. Oltre al lavoro ci sono diversi altri capitoli che hanno bisogno di finanziamenti, a partire dagli incentivi agli investimenti privati.

BENE GLI INCENTIVI 4.0. Quelli promossi finora nell'ambito di Industria 4.0, ha ribadito Calenda «stanno dimostrando che funzionano, che le imprese le usano». Il percorso va quindi «rafforzato» e con la manovra si potrebbe arrivare fino a un miliardo e mezzo nel triennio, che servirà anche per lanciare un nuovo «credito di imposta potente sulla formazione» da concedere alle imprese per gli investimenti incrementali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso