Italy2
4 Settembre Set 2017 0746 04 settembre 2017

Made in Italy, Simest finanzia l'inserimento nei mercati extra Ue

Prestiti a tasso ridotto fino a 2,5 mln di euro per aprire un ufficio o uno showroom all'estero. Nel primo semestre 2017 supportate 52 aziende italiane. 

  • ...

Agevolare l’ingresso in nuovi mercati finanziando la realizzazione di strutture commerciali, come un ufficio o uno showroom, in un Paese extra Ue. È questo l’obiettivo dei Programmi di inserimento sui mercati al di fuori dell’Unione europea promossi da SIMEST, società del Gruppo Cassa depositi e prestiti (Cdp) che dal 1991 sostiene la crescita delle imprese italiane fuori dal territorio nazionale proponendo finanziamenti a tasso agevolato.
SOSTENERE MARCHI E PRODOTTI ITALIANI. Lo strumento è infatti finalizzato a sostenere la promozione di beni e servizi prodotti in Italia o comunque distribuiti con un marchio italiano.
Oggi con questo strumento il tasso di interesse a carico dell’impresa è fissato al 10% del tasso di riferimento comunitario utilizzato come parametro per questo tipo di strumenti agevolati. Solo per fare un esempio, il tasso di riferimento Ue per il mese di settembre è pari allo 0,87%: questo significa che il tasso agevolato applicato al finanziamento da parte di SIMEST è pari allo 0,087%.
FINO A 2,5MLN DI EURO FINANZIABILI. L’importo massimo finanziabile può raggiungere il 100% del totale preventivato fino a 2,5 milioni di euro, entro il 25% del fatturato medio dell’ultimo triennio. La revisione dello strumento avviata recentemente introduce anche altre agevolazioni importanti: dalla durata del finanziamento che è di sei anni (di cui due di preammortamento in cui vengono corrisposti solo gli interessi) alle minori garanzie richieste, con la previsione di forme alternative alla fideiussione bancaria.
46MLN DI EURO IN SEI MESI. Nel primo semestre del 2017 SIMEST ha sostenuto 56 operazioni per 46 milioni di euro complessivi, offrendo sostegno a 52 imprese italiane per programmi realizzati in 27 Paesi al di fuori dell’Unione europea (Albania, Australia, Brasile, Camerun, Canada, Cina, Corea del Sud, Cuba, Emirati Arabi Uniti, Egitto, Filippine, Ghana, Giappone, India, Malesia, Marocco, Messico, Nigeria, Panama, Paraguay, Qatar, Russia, Senegal, Sudafrica, Tunisia, Turchia e Stati Uniti).

Ogni domanda di finanziamento deve riguardare un programma da realizzare in un singolo Paese di destinazione e fino a due Paesi di proiezione - situati nella stessa area geografica - nei quali l’azienda può sostenere spese di carattere promozionale.
LE TAPPE DEL FINANZIAMENTO. È possibile ottenere la prima erogazione, per un importo minimo del 10% del finanziamento, relativa alle spese già sostenute o ancora da sostenere a partire dalla data di presentazione della domanda di finanziamento fino a un massimo di sei mesi dalla data di stipula del contratto.
Le successive erogazioni, ciascuna per un importo minimo del 10% del finanziamento, possono essere richieste per le spese da sostenere entro i sei mesi successivi. Tutte le tranche, salvo l'ultima a saldo, non possono singolarmente superare il 70% del finanziamento totale.

>Scopri tutti i finanziamenti agevolati SIMEST

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso