Kodi Netflix
10 Novembre Nov 2017 1600 10 novembre 2017

Netflix fa grandi numeri anche in Italia: 600 mila abbonati

Un successo che ha spinto Infront, l’advisor della Lega per i diritti del calcio, a offrire le partite di Serie A da trasmettere online. Ma per ora è arrivato un «no grazie». La strategia dell'azienda.

  • ...

Partita in sordina Netflix inizia a fare grandi numeri anche in Italia. Dati ufficiali non ce ne sono, ma da quanto gira tra gli addetti ai lavori l’Over The Top avrebbe abbondantemente superato i 600 mila abbonati. Una performance positiva, in due anni, che ha visto pagare la strategia dell’azienda di offrire una programmazione con film, telefilm e documentari diversi rispetto a quelli degli altri canali a pagamento (Sky e Mediaset premium in primis), di mantenere bassi i prezzi e di iniziare a produrre contenuti ad hoc per il mercato italiano come Suburra.

IL PALLONE NON È REMUNERATIVO. Un successo che avrebbe spinto Infront, l’advisor della Lega per i diritti del calcio, a bussare ad Amsterdam agli uffici europei dell’Ott per offrire le partite di Serie A da trasmettere online. Ma gli uomini di Luigi De Siervo si sarebbero sentiti rispondere un cortese «no grazie», legato sia al fatto che Netflix non è interessata per ora allo sport sia alla consapevolezza che a certi prezzi (la Lega dal pacchetto dell’Iptv vuole recuperare almeno 200 milioni di euro) il pallone, comprese le grandi squadre, non è remunerativo anche per chi ha 104 milioni di abbonati a livello globale e soltanto nel 2017 investirà 7 miliardi di dollari nella produzione di contenuti in tutto il mondo.

FERMI AL PALO GLI ALTRI ON DEMAND. Del rush di Netflix si sarebbe accorti anche i concorrenti. Circa il 27% dei sottoscrittori dell’Ott provengono da Sky (mantenendo però entrambi gli abbonamenti). Sarebbero fermi invece al palo i numeri degli altri servizi on demand via web: Tim Vision, NowTv (Sky) e Infinity (Mediaset). Intanto anche in Italia è sbarcato l’Amazon FireTv Stick Basic Edition, il device che porta su tutte le tivù i contenuti Amazon Prime Video, Netflix, YouTube e a più di 4 mila app e giochi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso