Autogrill Shangai
24 Novembre Nov 2017 1132 24 novembre 2017

Autogrill approda in Cina

Il colosso italiano della ristorazione arriva a Shanghai con Bistrot, il suo concept realizzato insieme all’UNISG di Pollenzo.

  • ...

Il Gruppo Autogrill, primo operatore al mondo nei servizi di ristorazione per chi viaggia, continua ad ampliare la sua rete di business e questa volta, tramite HMSHost International, approda in Cina con il suo primo Bistrot, il concept realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi di Scienza Gastronomiche (UNISG) di Pollenzo.
Il marchio italiano ha scelto la Cina come nuovo Paese in cui investire e portare il made in Italy. Il motivo? La certezza di sbarcare in un paese in cui l’interesse per il mondo dell’alimentazione è sempre crescente e dove il “mangiare Italiano” e “bere italiano” sono diventati uno status symbol, diffuso principalmente nei grandi centri urbani come Hong Kong, Pechino e, appunto, Shanghai.
Il Bistrot Century Ave di Shanghai si aggiunge ad altri 20 punti ristorativi del Gruppo presenti in tutto il mondo tra aeroporti, stazioni, autostrade e centri urbani.

LA PRESENTAZIONE A PUDONG. Nella città cinese Bistrot Century Ave aprirà i suoi battenti nel quartiere degli affari di Pudong e proprio qui, il 23 novembre, Autogrill ha presentato ai clienti cinesi la sua ricca offerta di piatti autentici, rigorosamente italiani e che rappresentano i punti di forza della nostra tradizione culinaria: pizza, pasta fatta a mano, pane appena sfornato, verdure coltivate in loco a fianco ad altri prodotti tipici, accuratamente selezionati.

MADE IN ITALY E LOCAL FOOD. Ma Bistrot Century Ave non sarà solo questo. Si muoverà anche nell’ottica ‘fusion’, in cui la cucina italiana si adatterà ai gusti tipicamente orientali. Quindi non solo made in Italy puro ma anche ‘local food’ con ricette che includono ingredienti locali e prevedono una modalità di consumo che possa adattarsi alla clientela di Shangai. Il menù presenterà ricette tipiche della tradizione italiana rivisitate secondo le abitudini culinarie cinesi: non mancheranno quindi i pasti orizzontali, i cibi soffici e digeribili e la grande attenzione alla sicurezza del cibo. Cambiate anche le modalità di servizio che prevederà solo quello al tavolo.

IL PERSONALE. Il personale dello store, già selezionato, sarà interamente cinese. Tutto lo staff ha affrontato un accurato programma di formazione che ha puntato sul trasferire loro il prestigioso know-how italiano, apprezzato in tutto il mondo. I corsi si sono tenuti in Italia, in parte all’interno dello ‘Spazio Fucina’ di Autogrill, il luogo dedicato alla Ricerca e Sviluppo del Gruppo presso la sua sede di Rozzano, e, in parte, presso il Bistrot del ‘Mercato del Duomo’, a Milano.

I PARTNERS. HMSHost International, partnership di Autogrill collaborerà con fornitori locali che condividono con Bistrot la stessa passione per il cibo sano, sostenibile ed equo. Tra questi "The Rainbow of Hope", una piattaforma attraverso la quale sono supportati gli agricoltori locali che adottano pratiche agricole ecologicamente sostenibili, senza l’utilizzo di prodotti chimici. Con questo e altri progetti, HMSHost International desidera supportare le comunità locali mantenendo l'autenticità della cucina italiana e al tempo stesso stabilendo un forte radicamento con il territorio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso