Calenda, con sospensiva Ilva chiude
29 Dicembre Dic 2017 1223 29 dicembre 2017

Ilva, la Regione Puglia rinuncia chiedere lo stop immediato

Ritirata la richiesta di sospensiva al Tar sul decreto che contiene l piano ambientale del governo. L'annuncio di Calenda: «Scongiurato lo spegnimento».

  • ...

Dopo il Comune di Taranto, anche la Regione Puglia ha depositato la rinuncia alla richiesta di sospensiva al Tar sul Dpcm, il decreto del presidente del Consiglio dei ministri che contiene il piano ambientale per l’Ilva.

«SCONGIURATO LO SPEGNIMENTO». Lo ha comunicato in un tweet il ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, che ha commentato: «È un segnale positivo che scongiura il rischio spegnimento» dell’impianto di Taranto il prossimo 9 gennaio. «Ora» - ha concluso il ministro - «lavoriamo insieme per il ritiro del ricorso».

«Penso che abbia ragione il governo e mi sono rivolto in modo istituzionale e rispettoso a Emiliano e al sindaco di Taranto», aveva detto giovedì 28 dicembre il premier Paolo Gentiloni nella conferenza stampa di fine anno e prima di incontrare il capo dello Stato Sergio Mattarella.

GENTILONI: «TROVEREMO UNA VIA D'USCITA». «Confidavo nel Natale perché è cosa enorme con 14 mila posti di lavoro e miliardi per le bonifiche» - aveva aggiunto il presidente del Consiglio - «la mia richiesta, che rinnovo, è di ritirare il ricorso per evitare che la situazione arrivi a punti di crisi gravissimi in termini occupazionali e ambientali. Ma sono certo che troveremo una via d'uscita».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso