Bce alza ancora stime Pil 2017 Eurozona
Eurotower
25 Gennaio Gen 2018 1412 25 gennaio 2018

Bce: «Se necessario Qe a 30 miliardi anche oltre settembre»

L'Eurotower conferma gli acquisti mensili fino all'autunno ma potrà andare anche oltre se non si avrà un aggiustamento durevole dell'evoluzione dei prezzi. Draghi: «Crescita robusta ma presto per cantare vittoria».

  • ...

La Bce conferma che intende effettuare gli acquisti netti di attività, al ritmo mensile di 30 miliardi di euro, sino alla fine di settembre 2018, o anche oltre se necessario e in ogni caso finché non riscontrerà un aggiustamento durevole dell'evoluzione dei prezzi coerente con il proprio obiettivo di inflazione. Lo ha comunicato il board dell'Eurotower in una nota aggiungendo che se le prospettive diverranno meno favorevoli la Bce «è pronta a incrementare il programma in termini di entità e/o durata».

DRAGHI: «CRESCITA ROBUSTA». A margine della riunione del board a Francoforte, Mario Draghi ha spiegato in conferenza stampa, che «la recente volatilità nei tassi di cambio rappresenta una fonte di incertezza che richiede attenzione circa le possibili implicazione sulla stabilita dei prezzi nel medio termine». Ma nonostante questo il presidente ha spiegato che «i dati che abbiamo confermano che la crescita nell'eurozona è robusta».

«CONTINUARE A SOSTENERE L'INFLAZIONE». La scelta di continuare il quantitative easing resta nella necessità di spingere per alzare l'indice dei prezzi: «Un notevole stimolo monetario», ha detto Draghi, «è ancora necessario per sostenere l'inflazione nel medio termine», spiegando però che «gli acquisti di titoli da parte della Bce nell'ambito del Qe non favoriscono nessun paese». La Banca centrale europea ha ribadito che i paesi devono «intensificare» gli sforzi per portare avanti le riforme strutturali.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso