Ubi: a giudizio Bazoli, Massiah e altri
27 Aprile Apr 2018 2020 27 aprile 2018

Ubi, da Bazoli a Massiah a processo tutti gli imputati

Rinvio a giudizio notificato dal gup di Bergamo. Per  tutti l'accusa è di di ostacolo agli organi di vigilanza e di indebite influenze sulla formazione dell'assemblea che decretò la maggioranza della lista ufficiale.

  • ...

Vanno tutti a processo i protagonisti della fusione che portò alla costituzione di Ubi (Unione di banche italiane): dal banchiere, presidente emerito di Intesa Sanpaolo, Giovanni Bazoli, all'ad del gruppo, Victor Massiah, passando per il bergamasco Emilio Zanetti, presidente dell'Associazione Amici di Ubi, e altri 28 imputati. Tra questi la banca stessa come persona giuridica in base alle legge 231 del 2001 che impone la predisposizione di modelli organizzativi per prevenire gli illeciti. Le accuse: omesse comunicazioni e ostacolo all'esercizio delle funzioni delle Autorità di vigilanza e aver influenzato illecitamente le decisioni dell'assemblea del 2013 in cui si determinò la governance di Ubi, gestendo le nomine.

INTESA NASCOSTA A CONSOB E BANKITALIA. Il tutto nell' ambito di un'intesa nascosta a Consob e a Bankitalia (quest'ultima a differenza di Consob non si è ancora costituita parte civile nell'udienza preliminare). Nella ricostruzione della procura di Bergamo e degli investigatori della Guardia di finanza esisteva una 'cabina di regia' che decideva le nomine degli organi dell'istituto e delle sue partecipate e che riusciva a influenzare «con atti simulati o fraudolenti» l'orientamento dell'assemblea. I legali degli imputati, durante la complessa udienza preliminare davanti al gup Ilaria Sanesi (la stessa che fu giudice a latere nel processo a Massimo Bossetti per l'omicidio di Yara Gambirasio) avevano cercato di smontare le accuse, sostenendo l'inesistenza del patto occulto, facendo valere anche una sentenza della Corte di appello di Brescia che aveva annullato il provvedimento con cui, nel settembre 2015, la Consob aveva multato, con 895 mila euro, diversi consiglieri ed ex consiglieri di Sorveglianza di Ubi Banca.

BAZOLI: «DA ME NESSUN OSTACOLO ALLA VIGILANZA». Se la banca, da parte sua, «prende atto con rammarico» della decisione del giudice dell'udienza preliminare di Bergamo e ribadisce che «il dibattimento, entrando nel merito, dimostrerà l'infondatezza delle accuse rivolte all'Ente e ai propri esponenti», Bazoli reagisce così: «Nessun ostacolo alla vigilanza da parte mia. Prendo atto della decisione, che era prevedibile in considerazione dei limiti propri dell'udienza preliminare. Il dibattimento sarà certamente la sede più adeguata per accertare che l'intero impegno da me dedicato alla nascita e all'avvio di Ubi è stato improntato alla massima correttezza e trasparenza». Uno dei suoi difensori, Stefano Lojacono, gli fa eco e sottolinea la premessa del giudice nel provvedimento con cui ha disposto il processo che comincerà il 25 luglio. Premessa che il legale reputa «significativa e non ordinaria», dal momento che il gup, ricordando la Cassazione, afferma che gli è «precluso» il giudizio sul merito «della pretesa accusatoria o valutazioni che si sostanzino nell'interpretazione di emergenze delle indagini» connotate «da portata o significato aperti o alternativi». «E la tesi, giusta e alternativa all'accusa» - ha affermato Lojacono - «è che il professor Bazoli è innocente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso