Grafico Cer Peso Economia Italia Ue
IL GRAFICO DEL GIORNO
17 Aprile Apr 2018 0800 17 aprile 2018

Come è diminuito in 20 anni il peso dell'economia italiana in Ue

Siamo crollati sia in termini di produzione sia di presenza nei mercati internazionali. Nel 1996 il nostro Pil pro-capite era superiore del 22% rispetto alla media europea. Nel 2016 è stato inferiore del 6%.

  • * in collaborazione con il Cer (Centro Europa ricerche)
  • ...

Il grafico del giorno raffigura il peso dell’economia italiana nell’Unione europea (percentuali sui numeri o sui valori a prezzi correnti). Un’immagine complessiva della posizione della nostra economia nello scenario internazionale può essere ottenuta confrontando diversi indicatori, che esprimono il suo peso relativo all’interno dell’Ue (a 28 Paesi). Come si può vedere nel grafico, la popolazione italiana rappresenta circa il 12% del totale dell’Ue-28 e questa quota è rimasta sostanzialmente invariata nell’ultimo ventennio.

FORTE CADUTA NEGLI SCAMBI DI SERVIZI. Il peso dell'Italia in termini economici è invece progressivamente diminuito, al punto che mentre nel 1996 il Pil pro-capite dell’Italia era superiore di circa il 22% alla media dell’Ue-28 (a parità di potere d’acquisto), nel 2016 è risultato inferiore del 6% a tale media. Analoghe tendenze declinanti sono visibili in tutti gli altri indicatori riportati nel grafico, che mostrano la quota dell’Italia sugli scambi di beni e servizi e sugli investimenti diretti esteri (Ide). La caduta è stata molto forte negli scambi di servizi, in cui il peso dell’Italia sul totale dell’Ue è ormai pari a meno della metà di quello del 1996. La quota italiana appare inoltre particolarmente bassa nello stock di Ide.

  • Fonte: elaborazioni su dati Eurostat, Fmi, Unctad, Wb, Wto.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso