Tap Puglia
3 Aprile Apr 2017 1124 03 aprile 2017

Io, linciata in Rete per il mio appoggio al Tap

Auspici di morte di cancro dopo una lunga sofferenza, inviti al suicidio o a bruciare sul carbone ardente. Soltanto perché ho difeso il gasdotto pugliese. Ma da Trump a Berlusconi, le idee me le formo da sola.

  • ...

Caro direttore,

forte sulla mia pelle ho provato come la Rete può diventare davvero una brutta bestia. Proprio dopo il mio articolo su Lettera43.it a favore del gasdotto Tap si è scatenato l'inferno. La protesta si è allargata dal presidio sul territorio alla mia pagina Facebook. Auspici di morte di cancro dopo lunga sofferenza, inviti al suicidio o a bruciare sul carbone ardente.

Paola Tommasi ospite di "Otto e mezzo" su La7.

C'è stato anche qualche tentativo di argomentazione, ma ahimè contraddittorio. Innanzitutto, mi è stato rinfacciato l'aver collaborato alla campagna elettorale del presidente americano Donald Trump. Una esperienza per cui la stessa comunità di Melendugno (il mio Comune in provincia di Lecce) mi aveva acclamata appena tornata dagli Stati Uniti. E già qui la prima contraddizione: come potrei essere "No-Tap" quando ho sostenuto un candidato presidente Usa che, una volta eletto, per prima cosa ha sbloccato la costruzione di due gasdotti, il Keystone XL in Nebraska e il Dakota Access in North Dakota e Illinois?

Proprio partendo da Trump sono stata accusata di stare dalla parte di chi "vuole tornare al carbone" (lo stesso su cui dovrei bruciare), quando invece nel mio articolo sostengo, avendo studiato i documenti della Commissione europea, che il gasdotto rientra nel progetto Ue per l'energia pulita e per la "decarbonizzazione" della Puglia (termine, tra l'altro, molto caro al governatore della Regione Michele Emiliano).

So bene che prendere posizioni, tanto più difficili come le mie, da Trump al gasdotto Tap - e se vuole le aggiungo pure Berlusconi -, scatena più insulti che apprezzamenti, ma sono una ragazza libera e tale intendo rimanere. Le idee me le formo da sola, con l'analisi e il ragionamento.

NESSUNA SOLIDARIETÀ POLITICA. A fronte delle violenze verbali subite, tuttavia, ho ricevuto pure tantissimi messaggi di solidarietà, per cui ringrazio. Mi aspettavo magari, fosse solo per la carica che ricopre, un segnale di vicinanza dal sindaco di Melendugno, che ovviamente non è arrivato, impegnato com'è a portare avanti la protesta per il suo personale tornaconto politico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso