Pomigliano 130301135131
LETTERA 16 Agosto Ago 2017 1633 16 agosto 2017

Pomigliano, perché un operaio Fca vale 700 mila di euro

La provocazione di Gerardo Giannone: lettera aperta a Marchionne, a Gentiloni e ai sindacati.

  • ...

Riceviamo e pubblichiamo:

Caro direttore,

leggendo i dati del primo semestre 2017 del gruppo Fca e il consuntivo 2016 da dipendente mi viene da fare una domanda: quanto valgo per Fca? Beh, a fare due conti valgo molto, circa 7 milioni di euro all'anno e pure mi pagano solamente 1750€ lordi al mese.

No, mi creda, non sto dando i numeri, il caldo non c'entra , e matematica null'altro. Facciamo due conti? Nei sette siti industriali di produzione (Melfi , Cassino, Pomigliano, Val di Sangro, Mirafiori, Modena, Grugliasco) con i loro 38.123 dipendenti, nel 2016 abbiamo prodotto 997.131 mila auto/furgoni per un fatturato di 28miliardi di euro.

Per intenderci, ogni operaio produce un fatturato annuo di 7 mila euroi. Pensare che il 31 dicembre scadrà il contratto nazionale per Fca (Ccsl) e che la parte economica verrà discussa su una cifra di 20/40€ mensili mi fa arrabbiare. Eppure è dal 2010 che non c'è aumento e, dal 2010 a oggi, l'inflazione è stata del 9,9%. Ma a dire il vero a me dell'inflazione non importa nulla.

Se io faccio incassare 7 milioni annui alla mia società, perché la stessa mi riconosce solamente 22 mila euro lordi pari allo 0,3%? Troppo poco rispetto al fatturato. Io penso che la trattativa va impostata su quanto si fattura in questa azienda e sulla giusta redistribuzione della ricchezza prodotta fra operaio e management. E spero che nessuno inizi a parlare di tasse, perché in Italia l'ultima Legge di stabilità ha abbassato l'Ires dal 27,50% al 24%, per non parlare di tutti gli sgravi e aiuti (vedi ammortizzatori sociali ) che Fca in italia riceve.

Non voglio rincorrere la miseria dell'inflazione, ma voglio essere partecipe di tutti i pilastri del Wcm che Fca tanto decanta e dunque voglio anch'io la mia fetta su quei 7 milioni fatturati in italia. Non parlo di premi, quelli non servono, parlo di stabilità economica per una società che oggi viene corteggiata da tutti.

Se Fca oggi è una grandissima industria non è solo grazie al management, ma anche grazie agli operai che con sacrifici dal 2010 a oggi hanno consentito il risanamento e rilancio. Il settore auto traina l'economia italiana con il suo 19% in più. Bene, allora governo sindacato e impresa prendano coscienza che le paghe sono basse e che l'impresa può tranquillamente aumentarle di almeno un 10% in modo strutturale.

Stabilità alla ripresa economica? Aumentare le buste paghe e congelate i prezzi e le tariffe!

Gerardo Giannone

Coordinatore ART1 FCA gb. Vico pomigliano

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Correlati

Potresti esserti perso