Iker Casillas Alza 140525000516
MEDIA 2 Dicembre Dic 2014 1721 02 dicembre 2014

Diritti Champions, tra Sky e Mediaset è guerra di Coppe

Il piano: 'rubare' almeno 300 mila abbonati al pacchetto Sport di Murdoch.

  • ...

Iker Casillas alza al cielo la Champions League 2013-14.

Quanto pesa davvero la Champions League nella guerra che le pay tivù italiane sono pronte a ingaggiare senza esclusione di colpi?
Nulla o quasi, come da qualche settimana sostiene Sky (che ha perso l’esclusiva per il prossimo triennio)? Oppure tanto da scommetterci decine e decine di milioni, come ha fatto la neonata Mediaset Premium spa (che l’ha strappata a Rupert Murdoch da qui al 2017)?
In un articolo apparso su Repubblica il 2 dicembre - titolato Mediaset vara Premium e sfida Sky - il gruppo del Biscione afferma che «la Champions vale 700 mila clienti», cifra ottenuta «incrociando in modo ponderato i dati della partita del martedì 25 di Roma o Juventus trasmessa da Sky con la stessa mandata in onda in chiaro da Canale 5 il mercoledì».
È davvero così? Esiste realmente un potenziale «parco clienti» pronto a spegnere il decoder satellitare per traslocare sul digitale terrestre in nome del torneo calcistico più seguito?
Al di là delle sensazioni o delle ricerche di mercato, è possibile misurare il comportamento effettivo anche degli abbonati Sky in base ai dati Auditel.
La stagione in corso rende molto chiara la misurazione.
Le squadre italiane in lizza sono solo due, una gioca appunto il martedì (esclusiva a pagamento Sky) l’altra il mercoledì (esclusiva gratuita Canale 5).
OGNI MERCOLEDÌ IN 800 MILA PASSANO DA SKY A MEDIASET. Ma il match del mercoledì su Canale 5 non può essere trasmesso anche via satellite (e quindi non è visibile al tasto 105 del bouquet Sky) a causa dei regolamenti internazionali che vietano l’inevitabile sconfinamento del segnale sat al di fuori dei confini nazionali.
Cosa è successo dunque mercoledì 26 novembre per l’incontro Malmoe-Juventus? Circa 1.090.977 clienti Sky (si intendono famiglie abbonate, i singoli telespettatori davanti allo schermo erano per l’esattezza 1.566.000) hanno abbandonato i canali Sky (per cui pagano l’abbonamento) per sintonizzarsi via etere su Canale 5. È accaduto mercoledì scorso ma anche nel match precedente e in quello prima ancora. Così cinque volte su cinque, ad oggi.
Ma in questo milione e passa ci sono solo tifosi sfegatati di calcio, tanto appassionati da essere pronti ad aprire il portafogli? Probabilmente no.
Circa un terzo dei telespettatori-abbonati, 300 mila famiglie Sky, non hanno mai attivato il pacchetto Sport dell’offerta di Murdoch, quello che contiene la Champions League.
Proviamo a escluderli dal ragionamento, ipotizzando che per loro la visione di queste partite non sia irrinunciabile (a meno che il costo del pacchetto non diventi molto inferiore a quello che oggi Sky chiede loro).
Restano quasi 800 mila famiglie che, quando Canale 5 trasmette in chiaro ogni mercoledì di Champions, traslocano da un decoder all’altro. Ovvio, è gratis.
Però quelle stesse 800 mila famiglie già pagano 14 euro al mese a Sky per vedere le altre partite di Coppa. Cosa accadrà la prossima stagione, quando sarà Mediaset a trasmetterle tutte in esclusiva?
È questo il punto vero della contesa.
IL BISCIONE HA GIÀ PRONTO IL PIANO B. Su questa linea di confine i dati oggettivi lasciano spazio alle supposizioni. Ci sarà un esodo di massa dal satellite al digitale terrestre?
Difficile immaginarlo, persino nel quartier generale del Biscione probabilmente non osano ipotizzare uno scenario a loro così favorevole.
Ma il “piano B” non è fantascientifico: convincere una parte di quelle 800 mila famiglie Sky a disdire il pacchetto Sport. E quei 14 euro al mese risparmiati potrebbero essere reinvestiti in un abbonamento dedicato Premium, tenendo il telecomando in due staffe.
Continuare a essere cliente Sky e comprare anche la tesserina Premium con la Champions League. Non servono in effetti antenne speciali o altre attrezzature: basta inserire la smart card nel televisore o nel decoder e la visione è immediata.
L’operazione potrebbe addirittura essere più ardita.
Non dimentichiamo che Mediaset – con un’azzardata partita a scacchi all’asta dei diritti – s’è aggiudicata anche tutti i principali match di Serie A delle otto maggiori squadre del campionato. Un pacchetto, quello Calcio, che Sky offre sempre a 14 euro. Che sommati al pacchetto Sport fanno 28 euro.
Premium potrebbe dunque tentare il filotto, cercando di conquistare in toto il “cliente calcio” della pay-sat con un’offerta economicamente vantaggiosa.
Ne basterebbero 300 mila per centrare il risultato, stimano advisor e banche d’affari.
Poco più di un terzo di quelle 800 mila famiglie che ogni maledetto mercoledì di Champions…

Correlati

Potresti esserti perso