Arpe 141128083427
EDITORIA 1 Giugno Giu 2015 1723 01 giugno 2015

Il Foglio, Sator e Sorgente tra i nuovi azionisti

I due gruppi subentrano ai vecchi soci con quote paritarie, comprese tra il 35% e il 40%.

  • ...

Matteo Arpe.

Il Foglio passa di mano.
È stato, infatti, ufficializzato l'accordo raggiunto tra Giuliano Ferrara, il fondo Sator di Matteo Arpe (azionista di News 3.0, la casa editrice di Lettera43.it) e il gruppo Sorgente dell'immobiliarista Valter Mainetti.
AUMENTO DI CAPITALE. L'intesa di massima siglata dalle tre parti mira allo sviluppo di un nuovo piano industriale del quotidiano, che prevede, tra le altre cose, un aumento di capitale fino a 5 milioni di euro: un nuovo progetto, editoriale e aziendale, che punta al rilancio della testata fondata dall'Elefantino.
QUOTE TRA IL 35% E IL 40%. In quest'ottica, Sator e Sorgente si accingono a sottoscrivere quote pressoché paritetiche, indicativamente comprese tra il 35 e il 40%.
La restante parte del capitale sarà in quota allo stesso Ferrara e ad altri soci, su cui per il momento vige ancora il riserbo.
LASCIANO PAOLO BERLUSCONI E VERDINI. A uscire dall’azionariato della Foglio edizioni Srl, società cui fa capo la titolarità del dominio IlFoglio.it e del giornale, sarebbero, secondo indiscrezioni non ancora confermate, la Pbf Srl di Paolo Berlusconi (che deteneva 48%) e l’ex coordinatore del Popolo della libertà Denis Verdini (al 21,4%). Così come sarebbero destinati a farsi da parte o, comunque, a perdere peso, L'Unione editoriale (casa editrice dell'Unione sarda), l'editore Diana Zuncheddu e lo stampatore Michele Colasanto.
FERRARA A CAPO DEL COMITATO DI SAGGI. In programma c'è l'adozione di una nuova governance, finalizzata a garantire statutariamente l’indipendenza del quotidiano, anche grazie alla costituzione di un comitato di saggi. A presiederlo sarà lo stesso Ferrara, con specifici compiti di garanzia e supporto della linea editoriale. Previsto, inoltre, un piano di partecipazione al capitale per i giornalisti.
PROGETTO CONDIVISO DAI SOCI. Il piano è già stato presentato e preliminarmente condiviso dagli attuali soci della società editrice Il Foglio, che hanno sostenuto il progetto editoriale del quotidiano nel corso degli anni.

Correlati

Potresti esserti perso