Mondadori Libreria 131114162135
GIUSTIZIA 10 Luglio Lug 2015 1745 10 luglio 2015

Lodo Mondadori, Berlusconi la sfanga

Fininvest deve versare alla Cir solo 246 mila euro e non i 32 milioni richiesti.

  • ...

Una libreria del gruppo Mondadori.

La Fininvest di Silvio Berlusconi dovrà versare come danni non patrimoniali alla Cir della famiglia De Benedetti soltanto 246 mila euro e non i 32 milioni richiesti. Lo ha stabilito il Tribunale di Milano nella causa civile 'bis' sulla vicenda del Lodo Mondadori.
Il procedimento era stato avviato a dicembre del 2013 in seguito al deposito di un nuovo atto di citazione con cui i legali di Cir hanno chiesto al gruppo dell'ex Cavaliere la liquidazione dei danni non patrimoniali quantificati «in misura non inferiore a 32 milioni» più altri 60 per interessi e spese legali.
CONDANNA NEL 2013. La richiesta era stata avanzata dopo che la Cassazione, nel settembre 2013, nel condannare definitivamente la Fininvest a versare 494 milioni all'editore del gruppo Repubblica-Espresso per i danni patrimoniali, aveva demandato ad altro giudice la liquidazione di quelli non patrimoniali.
TANGENTE AL GIUDICE METTA. Ciò per via della «lesione del diritto ad un giudizio reso da un giudice imparziale» sulla scorta dell'ormai definitiva constatazione, sia in sede penale che civile, dell'accertamento di «un plurioffensivo fatto di corruzione». E cioè la tangente di circa 400 milioni di lire versata al giudice Vittorio Metta, l'estensore del verdetto della Corte d'Appello civile di Roma che nel 1991 ribaltò l'iniziale lodo arbitrale favorevole a De Benedetti consegnando la casa editrice Mondadori a Silvio Berlusconi.
DE BENEDETTI: «IMPORTO INADEGUATO». L'importo è stato giudicato «largamente inadeguato rispetto al gravissimo illecito subito e all'entità delle conseguenze pregiudizievoli che ne sono derivate», dalla società di De Benedetti, riservandosi di ricorrere in Appello.
Marina Berlusconi, invece, ha commentato: «Anche all'ingiustizia c'è un limite. Ma l'ingegner De Benedetti e la Cir, ormai abituati a far quadrare i conti a spese della Fininvest, hanno voluto provarci di nuovo. Stavolta gli è andata male».

Correlati

Potresti esserti perso