Monica Maggioni 150805193436
DOMINO 5 Agosto Ago 2015 1910 05 agosto 2015

Effetto Maggioni: come cambia adesso la Rai

Con Monica alla presidenza Rai inizia il risiko poltrone. Per il canale all news in pole Ferrario e Busi. Mentre Riotta scalpita per il Tg3. Celli: nomine deprimenti.

  • ...

Monica Maggioni è il nuovo presidente Rai. La voce nei corridoi di Viale Mazzini girava già da qualche giorno, ma adesso è ufficiale.
L'ormai ex direttrice di Rai News 24 è riuscita a ottenere la massima carica della tivù pubblica grazie al gradimento incrociato di Matteo Renzi e Silvio Berlusconi.
E non potendo avere il Tg1, come andava chiedendo da tempo, ha preferito volare sopra a tutto e a tutti, pur sapendo che la presidenza del Cda è una bellissima scatola vuota.
A contare infatti è il direttore generale, destinato a diventare amministratore delegato con la nuova legge in discussione in parlamento.
MAGGIONI METTE D'ACCORDO RENZI E BERLUSCONI. Nella fase calda della scelta dei nomi il più tranquillo, in Rai, è stato proprio Mario Orfeo, timoniere del Tg1 che ora potrà contare su un board di amici di lungo corso e colleghi con i quali ha lavorato per tanto tempo.
A spianare la strada a Monica, in particolare, è arrivato il secco no di Forza Italia alle altre figure femminili proposte dal Pd, ritenute poco affidabili o poco autorevoli. In altre parole, di scarsa affidabilità politica.
Da questo punto di vista Maggioni dovrebbe rappresentare la miglior sintesi possibile del Nazareno catodico.
RAI NEWS 24, TESTA A TESTA FERRARIO-BUSI. Dal momento in cui al settimo piano di Viale Mazzini, sede della dirigenza, sarà formalizzato il suo insediamento, si apriranno ufficialmente i giochi per la successione alla direzione del canale all news della Rai.
La nomina, secondo i piani del governo, avverrà soltanto con il nuovo direttore generale (in pole c'è Antonio Campo dell'Orto), ma già si parla delle vecchie conoscenze del Tg Tiziana Ferrario e Maria Luisa Busi.

L'outsider è la corrispondente Giovanna Botteri

Le due giornaliste, dopo aver ingaggiato un vero e proprio corpo a corpo con l’ex direttore del Tg1, Augusto Minzolini, sono finite nel cono d’ombra della Rai, dal quale vorrebbero uscire.
Già da tempo Ferrario e Busi hanno chiesto all’azienda una nuova collocazione, nonostanta la prima sia corrispondente da New York e la seconda si occupi degli speciali del Tg1.
Ma una direzione è sempre una direzione.
IN CORSA C'È ANCHE GAIA TORTORA. Outsider ma non troppo Giovanna Botteri, altra corrispondente di primo piano della Rai, pronta a rientrare a casa. Sempre che Renzi non decida di chiedere al nuovo direttore generale di accontentare Gaia Tortora.
La conduttrice del Tg de La7, diretto da Enrico Mentana, rimasto particolarmente deluso da questo giro di nomine, lascerebbe volentieri l’emittente controllata da Urbano Cairo visto che il rapporto con Chicco non è più quello di una volta.
Il fondatore del Tg5, per l’estate, ha deciso di investire su volti nuovi da proporre al pubblico del suo telegiornale. E con Mentana anche i dettagli sono importanti.
TG3, RIOTTA INSIDIA BIANCA BERLINGUER. La pedina Rai News, però, non sarebbe la sola a essere mossa sullo scacchiere. Una volta completato il quadro, la nuova dirigenza potrebbe metter mano al Tg3, dove Bianca Berlinguer non sembra essere così stabile come un tempo, e Gianni Riotta scalpita per avere una bella poltrona.
Molto dipenderà da cosa deciderà di fare il nuovo amministratore della Rai che, ben difficilmente, prenderà la scatola chiusa che gli verrà consegnata da Luigi Gubitosi, pronto ad andare a occuparsi di treni.
In buona sostanza il vero tema è capire se l’accorpamento delle testate ci sarà o meno.
Dai primi segnali, la Rai targata Renzi si annuncia molto gattopardesca, dove tutto cambia affinché tutto resti uguale.

Correlati

Potresti esserti perso