Tempo 150807175156
EDITORIA 7 Agosto Ago 2015 1749 07 agosto 2015

Il Tempo, gli Angelucci offrono 13 milioni di euro

L'idea è consorziare il quotidiano con Libero. Ipotesi Feltri direttore editoriale.

  • ...

La sede de Il Tempo in piazza Colonna a Roma.

La famiglia Angelucci ha presentato al giudice del Tribunale di Roma, che ha in capo la richiesta di concordato preventivo de Il Tempo, un'offerta da 13 milioni di euro.
Era da tempo che i re delle cliniche private puntavano a rilevare il quotidiano romano di cui è attualmente proprietario l'immobiliarista Domenico Bonifaci, che lo acquisì nel lontano 1996 per 70 miliardi di vecchie lire (35 milioni di euro circa).
DEBITI PER MILIONI DI EURO. Da tempo, però, il giornale con sede a Palazzo Wedekind versa in cattive acque nonostante i numerosi piani di ristrutturazione che si sono succeduti: l'indebitamento ha raggiunto circa 30 milioni di euro.
Se il Tribunale darà semaforo verde, gli Angelucci aggiungeranno il Tempo al loro mini impero editoriale, che comprende il quotidiano Libero, diretto da Mauruizio Belpietro. L'idea è quella di consorziare i due giornali, sull'esempio del Quotidiano Nazionale del gruppo Riffeser, sotto il cui cappello ci sono tre testate (Il Giorno, Il Resto del Carlino, La Nazione).
FELTRI DIRETTORE EDITORIALE? Alla guida della direzione editorale la famiglia romana vorrebbe Vittorio Feltri, attuale editorialista de Il Giornale. E ciò suonerebbe come un clamoroso ritorno, visto che il giornalista bergamasco ha fondato Libero nel 2000 e ne è stato direttore negli anni 2000-2007 e dal luglio 2008 all'agosto 2009.
Interpellato da Lettera43.it, Feltri ha però gettato acqua sul fuoco: «Ho sentito anch'io voci al riguardo, ma non ho ricevuto alcuna concreta richiesta».

Correlati

Potresti esserti perso