Rcs 160509083803
MEDIA 11 Maggio Mag 2016 1952 11 maggio 2016

Rcs riduce le perdite nel primo trimestre 2016

Il gruppo ha segnato 22 milioni, contro 35,2 milioni dello stesso periodo del 2015. E prevede risultati in miglioramento nel semestre e conferma il ritorno all'utile nell'anno.

  • ...

Rcs riduce le perdite nel primo trimestre 2016: 22 milioni, contro 35,2 milioni dello stesso periodo del 2015. Il gruppo prevede risultati in miglioramento nel semestre e conferma il ritorno all'utile nell'anno. Rcs ha finalizzato poi con le banche il documento preliminare per il nuovo accordo sul debito, che sarà perfezionato ora nell'arco di un mese.
NUOVO CONTRATTO FINO AL 2019. Il nuovo contratto durerà fino al 2019 e non vedrà automatismi che facciano scattare l'aumento di capitale.
Come voleva poi l'A.d Rcs Laura Cioli, solo parte del ricavato della cessione dei Libri andrà alle banche: 71,6 milioni su 127,1 milioni andranno al rimborso una delle linee originarie. Due banche hanno giù deliberato, le altre quattro porteranno entro un mese l'accordo in delibera con parere favorevole. Per il nuovo contratto, comunque, serve l'unanimità.
CAIRO VUOLE RCS A SCONTO. Il Cda Rcs è poi tornato sull'Ops di Cairo, all'indomani della nota integrativa pubblicata dall'editore, per segnalare che qui conferma di voler prendere il controllo della società «a sconto», «laddove tipicamente le offerte finalizzate all'acquisizione del controllo contemplano un premio a beneficio del mercato». Per il board Rcs, poi, il fatto che Cairo sia pronto a rinunciare alle condizioni sulle adesioni (potrebbe accontentarsi del 35% rispetto al 50% annunciato) e sugli impegni delle banche violerebbe il «principio di irrevocabilità delle offerte pubbliche di acquisto e scambio».
«Non è chiaro a quale titolo Cairo Communication potrebbe interloquire» con le banche, e comunque «qualsiasi interferenza pregiudicherebbe gravemente la società in questa fase delicata».
BUONI RISULTATI DAL PIANO INDUSTRIALE 2016-2018. Il consiglio del gruppo del Corriere, infine, ha fatto sapere di mantenere l'obiettivo di creazione di valore per la società «nel miglior interesse di tutti gli azionisti, non trascurando alcuna opzione strategica, con il miglior supporto dei propri advisor finanziari e legali».
«Il Piano Industriale 2016-2018 sta procedendo speditamente: tutti i progetti che abbiamo annunciato a dicembre sono avviati e stanno dando buoni risultati. Le prime evidenze sul semestre ci consentono di confermare risultati in deciso miglioramento rispetto al medesimo periodo del 2015 e l'obiettivo del ritorno all'utile entro il 2016. Ora più che mai siamo concentrati e focalizzati sul fare, nel modo più veloce, efficiente ed efficace».

Correlati

Potresti esserti perso